Impianto di lenti pachiche intraoculari (IOL)

Principale Retina

L'impianto di lenti intraoculari, o IOL, è diventato così diffuso in tutto il mondo che è diventato una delle operazioni più frequenti non solo in oftalmologia, ma anche in medicina in generale. Inizialmente, la portata e lo scopo di impiantare una "lente artificiale" era di ripristinare la vista durante una cataratta, in quel momento in cui la lente naturale che si era annebbiata e aveva perso la trasparenza, non fornisce più la minima qualità visiva accettabile. Tuttavia, la tecnologia di sostituire la lente cristallina naturale con una artificiale, che, come la pratica ha dimostrato, ha una serie di indiscutibili vantaggi rispetto ai metodi concorrenti, è gradualmente entrata nell'arsenale dei metodi per correggere la visione e altri tipi di oftalmopatologia. In particolare, le lenti IOL fachiche (lente) sono utilizzate per correggere le anomalie di rifrazione, vale a dire rifrazione della luce irregolare da parte del sistema ottico dell'occhio, i cui principali tipi sono, come noto, miopia (miopia), ipermetropia (ipermetropia) e astigmatismo.

Va notato che l'impianto di IOL è considerato principalmente come un metodo alternativo - nei casi in cui per qualche ragione la correzione della visione laser standard è controindicata o inapplicabile, ma allo stesso tempo, consente di correggere le anomalie di rifrazione anche di alto grado.

Uno dei problemi e degli svantaggi metodologici principali della sostituzione completa dell'obiettivo con una IOL è l'incapacità di un simile occhio per la sistemazione naturale, vale a dire. regolazione riflessa o arbitraria della lunghezza focale in base alla distanza dall'oggetto osservato. Pertanto, in alcune fonti si raccomanda di ricorrere all'impianto di sostituzione nei casi in cui la funzione accomodativa è già persa a causa della malattia (che di solito si verifica in pazienti di età compresa tra 45 e 50 anni).

Un'altra possibile soluzione a questo problema è il miglioramento strutturale delle lenti. Il percorso "workaround", che può essere chiamato pseudoaccommodation, consiste nell'impiantare una lente multifocale, che non ha una, ma diverse superfici di messa a fuoco con diversa curvatura, che fornisce una visione abbastanza chiara a diverse distanze.

Una soluzione "diretta" è l'uso di materiali che, in termini di proprietà biomeccaniche (elasticità, elasticità, capacità di aumentare la curvatura quando il corpo ciliare è stressato e ritornano alla sua forma originale quando rilassato), avvicinerebbero il più possibile la lente naturale; tali modelli IOL accomodanti sono già stati sviluppati, vengono prodotti e utilizzati nella pratica oftalmologica quotidiana. C'è motivo di credere che nel prossimo futuro prossimo il "problema dell'alloggio" sarà in qualche modo risolto.

Ma è stato trovato un altro modo per ripristinare la visione ametropica: la lente "fakichnaya" stessa, impiantata per non sostituire la lente, ma in aggiunta ad essa - nei casi in cui la sua trasparenza e capacità di adattamento sono preservate. In realtà, questi sono gli stessi occhiali o, piuttosto, lenti a contatto, solo indossati non al di fuori dell'occhio, ma al loro interno, e con il corretto calcolo della forza di rifrazione, assicurano, indipendentemente dalla distanza dall'oggetto, la proiezione dell'immagine esattamente sulla retina.

Le principali indicazioni per l'impianto delle IOL fachiche sono:

  • miopia in gradi fino a 25 diottrie;
  • iperopia nel grado di 20 diottrie;
  • astigmatismo fino a 6 diottrie;
  • la combinazione di un'anomalia refrattiva con assottigliamento della cornea, che crea una controindicazione per la correzione laser.

Correzione laser o lenti fachiche?

Come già notato, la correzione della visione laser ha una piccola (e costantemente decrescente man mano che la tecnologia si sviluppa), ma rimane comunque una lista di controindicazioni, assoluta e relativa. Oltre alla cornea diluita menzionata sopra, questa lista include glaucoma, retinopatia, diabete mellito, processi infiammatori infettivi, periodo di allattamento, ecc.; inoltre, anche i più moderni laser e le modifiche del metodo LASIK non sono in grado di correggere l'anomalia refrattiva di alti gradi.

E sebbene le controindicazioni elencate possano in qualche misura estendersi anche all'impianto di una IOL fachica, quando si confronta questa variante di correzione con un laser, viene spesso fatta una scelta ragionevole a favore della prima.

Come va l'operazione?

Ad oggi, il progresso scientifico e tecnologico ha reso possibile una svolta decisiva e, spero, irrevocabile della medicina verso interventi delicati, minimamente invasivi, sicuri, senza sangue, con un risultato prevedibile e un periodo minimo di riabilitazione. L'oftalmologia e, in particolare, l'oftalmochirurgia è uno dei leader riconosciuti in questo modo: la maggior parte delle operazioni di natura e contenuto complesse vengono eseguite su base ambulatoriale, "un giorno", senza molta preparazione (è necessaria solo una diagnosi completa e completa).

L'impianto di una lente intraoculare fachica non fa eccezione.

Secondo il protocollo standard, la procedura viene eseguita in condizioni sterili, poiché richiede la depressurizzazione del bulbo oculare. Anestesia locale, flebo, con un effetto completamente sufficiente (in generale l'anestesia non è necessaria). La testa e l'occhio sono fissi, i supporti speciali dei beacon sono bloccati, bloccando il riflesso lampeggiante. Nella maggior parte dei casi, a parte le rare e complicate situazioni cliniche che richiedono lo sviluppo di un piano di intervento individuale, viene eseguita una delle due principali opzioni di impianto.

Nel primo caso, la IOL è posizionata nello spazio tra l'iride e la cornea. L'accesso è fornito da un'incisione microscopica nello strato corneale; dopo l'introduzione e l'installazione della lente, vengono applicate una sutura auto-assorbente e un cerotto asettico. La durata totale dell'intervento (come talvolta dicono, da "ciao" a "grazie") di solito non supera la mezz'ora. Con una tale disposizione, la IOL può notare (al contrario di occhiali o addirittura lenti a contatto) solo con uno sguardo molto vicino da una distanza ravvicinata.

Nella seconda variante, la lente fachica è posizionata più in profondità - non davanti all'iride, ma dietro di essa. Tale operazione viene eseguita attraverso un accesso sotto forma di una foratura (e non un taglio) e, di conseguenza, non richiede alcuna giuntura, - la perforazione dell'ingresso viene rapidamente sigillata in modo naturale. L'IOL elastico viene inserito nello stato di piegatura con l'aiuto di uno strumento speciale - un iniettore, un "iniettore" - ed è stirato in modo elastico già in posizione, nella posizione desiderata. Con un tale impianto, solo un oftalmologo armato con un microscopio può vedere l'obiettivo.

In ogni caso, il paziente, al termine della procedura, deve trascorrere un breve periodo in clinica, dopodiché viene esaminato dal chirurgo operativo e, in assenza di complicazioni, viene rimandato a casa.

Operazioni video

Dopo aver installato la IOL fakichnoy

Un cambiamento fondamentale nell'acuità visiva si avverte immediatamente (nello stesso modo in cui l'immagine del mondo cambia con l'uso degli occhiali), ma molti pazienti lamentano un certo disagio postoperatorio. La visita di controllo obbligatoria all'oftalmurgo viene nominata il mattino successivo. Le istruzioni e le raccomandazioni del medico sono ugualmente obbligatorie per l'implementazione, quindi è meglio scriverle attentamente. La capacità lavorativa del paziente viene persa solo il giorno stesso dell'operazione; guidare è anche permesso di riprendere nel primo giorno postoperatorio.

In genere non è richiesto un ulteriore spettacolo o correzione del contatto. La visione è solitamente in grado di recuperare fino al 50%.

Essendo uno degli elementi essenziali (e piuttosto raro, che crea un vantaggio aggiuntivo rispetto ai tecnici concorrenti) del metodo, è opportuno notare che è reversibile: la IOL fachica viene evacuata con la stessa facilità con cui è stata impiantata. Tuttavia, in pratica, questa possibilità deve essere utilizzata in casi isolati, ad esempio, con ovvie complicazioni, effetti collaterali non corretti o insoddisfazione soggettiva con i risultati.

Prezzi per lenti fachiche

Solo poche cliniche oculistiche a Mosca offrono l'installazione di IOL a camera anteriore a prezzi che vanno da 45.000 a 140.000 rubli (per occhio). Il costo varia in base al modello IOL e alla complessità dell'operazione.

Il nostro centro oftalmologico non esegue il tipo specificato di operazioni a causa del gran numero di complicazioni e di rischio ingiustificato per il paziente (vedi sotto)!

Rischi e complicazioni dell'operazione

La chirurgia, compreso il prefisso "ophthalmo", senza complicazioni non avviene. Oggi è del tutto accettabile chiarire: il BYE non accade, ma il rischio statistico di complicanze durante l'impianto di lenti intraoculari fachiche supera di gran lunga il punteggio zero.

Peggio ancora, tra queste rare complicazioni sono abbastanza gravi e gravi, fino al distacco della retina e / o all'iniziazione (innesco) del processo di cataratta nella lente naturale. Sono stati segnalati casi di infezione intra o postoperatoria, danni allo strato endoteliale posteriore della cornea, processi patologici nel nervo ottico dovuti ad un aumento della pressione intraoculare. Relativamente più spesso, i pazienti annotano l'illusione di una "aureola" intorno a oggetti luminosi in una luce generale bassa.

Se nell'occhio operato compaiono sensazioni insolite o scomode, è necessario visitare l'oftalmologo il più rapidamente possibile.

Il contenuto di questa sezione, quindi, non ci consente di considerare l'impianto di una IOL fachica come soluzione ambigua e assolutamente sicura per i problemi di rifrazione. L'unico inconveniente, che viene eliminato in modo estremamente rapido - poiché è associato esclusivamente alla novità del metodo - è la quantità insufficiente di dati statistici, incluso il follow-up (nel periodo remoto dopo l'operazione), ma tali informazioni, come l'esperienza clinica globale dell'impianto, si accumulano velocemente ad un ritmo.

Inoltre, non vi è alcun motivo per terminare la revisione con intonazione pessimistica: i vantaggi del metodo superano di gran lunga i suoi svantaggi, i risultati sono molto apprezzati sia da specialisti e pazienti, e, in generale, la tecnica di impianto di una lente intraoculare fachica, che ha subito ampi studi clinici ed è già implementata con successo oggi, riconosciuto come un metodo promettente di correzione della rifrazione.

Una lente pachica intraoculare può essere una vera salvezza per le persone con un alto grado di miopia.

Le tecniche oftalmiche laser rimangono il metodo principale per correggere gli errori di rifrazione. Ma ci sono una serie di controindicazioni e sfumature quando la correzione laser è pericolosa o poco pratica.

L'unica via d'uscita in questi casi è l'impianto di lenti speciali nel bulbo oculare. Le lenti intraoculari Phakic (IOL) funzionano in tandem con una lente naturale, migliorando l'acuità visiva e le prestazioni accettabili. Da questo articolo imparerai i vantaggi di questo tipo di obiettivi, le caratteristiche dell'operazione e il suo costo.

Indicazioni per l'impianto

Le IOL fachiche sono stabilite nei casi in cui il paziente ha controindicazioni alla correzione della visione laser:

  • spessore insufficiente della cornea;
  • cambiamenti nella configurazione della cornea quando il guscio diventa conico anziché sferico (cheratocono);
  • alto grado di miopia - fino a meno 25 diottrie;
  • alto grado di ipermetropia - fino a più di 25 diottrie;
  • astigmatismo pronunciato - fino a 6 diottrie.

Alcuni chirurghi oftalmici raccomandano l'impianto di tali lenti a pazienti con cambiamenti significativi di rifrazione sotto i 18 anni di età. Inoltre, con l'aiuto dell'ottica di tipo fachico, la presbiopia - la miopia causata da cambiamenti legati all'età nell'apparato visivo è corretta con successo. Dopo l'impianto, il paziente può contare sulla stessa alta qualità della visione dopo la correzione laser.

AIUTO! Non è raro che un paziente esegua due diverse operazioni. Un occhio cade sotto la correzione laser standard e nell'altro la rifrazione può essere corretta solo con l'aiuto di una IOL fachica.

In che modo le IOL fachiche differiscono dagli altri obiettivi?

Il vantaggio è che l'operazione di impianto consente di salvare l'obiettivo naturale, preservando così l'accomodamento naturale. Grazie all'alloggiamento, la lente cristallina può cambiare forma, adattandosi così alla visione a diverse distanze senza l'uso di occhiali.

ARTICOLI SU ARGOMENTO:

In effetti, le IOL fachiche sono un dispositivo ottico che ha le proprietà di occhiali o lenti a contatto. Stabiliscono la corretta direzione dei raggi di luce e consentono di correggere gli errori di rifrazione per una buona visione a qualsiasi distanza.

Una persona con lenti fachiche impiantate sarà in grado di far cadere gli occhiali perché l'impianto funzionerà in combinazione con l'obiettivo. L'immagine inizierà ad allineare con il fuoco corretto, il che significa che la visione sarà costantemente alta.

A differenza delle IOL fachiche, le lenti artificiali vengono impiantate nella capsula del cristallino dopo aver rimosso la lente naturale. La maggior parte dei modelli di impianti per lenti, in particolare il segmento del budget, non ha la capacità di adattarsi. Ciò significa che forniranno una buona visione, sia vicina che lontana. Questo è il motivo per cui la IOL con sostituzione della lente è raccomandata per l'installazione in pazienti dopo 45-50 anni. A questa età, gli occhi stessi iniziano a perdere l'accomodamento, quindi la conservazione dell'obiettivo naturale non ha senso.

Preparazione preoperatoria

Lenti fachiche - ottica su misura. Per fare in modo che la lente esegua perfettamente i compiti ad essa assegnati, è necessario calcolare e valutare correttamente le caratteristiche preoperatorie della rifrazione del paziente.

Eseguire l'obiettivo esattamente "sotto il paziente" è possibile solo dopo un'accurata diagnosi di visione. Lo studio è condotto su apparecchiature ad alta precisione con il supporto del software. Oltre allo stato individuale dell'ottica naturale, l'oftalmologo deve tenere conto dell'età, dello stile di vita del paziente e del tipo di attività.

Poiché l'operazione di introduzione di una IOL è considerata più traumatica della correzione laser, un'attenzione particolare è rivolta alla salute generale del paziente. Viene valutato il lavoro dei reni, dei sistemi cardiovascolari e respiratori.

Il paziente dovrà superare una serie di test e superare diversi esami:

  • analisi del sangue generale e biochimica;
  • analisi delle urine e dello zucchero;
  • donare sangue per RW (sifilide);
  • fare un cardiogramma;
  • subire fluorografia;
  • visitare il terapeuta e specialisti correlati in presenza di malattie concomitanti.

IMPORTANTE! Le IOL fachiche non possono essere impiantate in pazienti con una piccola camera intraoculare anteriore o posteriore. Controindicazioni sono anche cataratta, glaucoma, retinopatia diabetica, degenerazione maculare della retina, distrofia corneale.

Solo dopo aver valutato tutti i pro ei contro, il medico prende una decisione sull'opportunità e la sicurezza dell'operazione. Al paziente viene assegnata la data dell'intervento - dovrebbe venire a stomaco vuoto per la procedura e non bere liquidi almeno 2 ore prima della visita. Una settimana prima dell'operazione, è consigliabile seguire una dieta a basso contenuto calorico, rinunciare all'alcool e fumare, così come i fluidificanti del sangue.

Per la prevenzione dei disturbi idrodinamici, l'iridotomia laser YAG può essere eseguita 2 settimane prima dell'intervento. Durante la sessione, vengono effettuati diversi tagli laser sull'iride per drenare il fluido intraoculare.

L'essenza e il corso dell'operazione

L'installazione della IOL phakic viene eseguita su base ambulatoriale e non richiede più di 15 minuti. Inizialmente, la premedicazione viene eseguita - con l'aiuto di gocce di occhi speciali che anestetizzano e dilatano la pupilla. Quindi una micro incisione di 2-3 mm viene eseguita sulla cornea, aprendo l'accesso all'area in cui verrà inserito l'impianto.

A seconda delle indicazioni e del modello dell'obiettivo, l'impianto può essere installato:

  • di fronte all'iride - lenti fachiche a camera anteriore;
  • direttamente all'iride - iridescenza;
  • tra l'iride e la lente - camera posteriore.

Secondo i chirurghi oftalmici, sono gli impianti a camera posteriore che danno il miglior risultato ottico. Non sono in contatto con la cornea e l'iride, il che elimina il rischio di alterazioni distrofiche nei tessuti. La struttura della cornea rimane completa e le funzioni visive vengono ripristinate molto rapidamente.

Le lenti fachiche moderne hanno una consistenza morbida e vengono introdotte in una forma compressa. Già all'interno dell'occhio, l'impianto si raddrizza e prende la posizione desiderata. Dopo aver installato la IOL, l'incisione è autosigillata senza cuciture e non richiede cure particolari. Dopo l'operazione, il paziente trascorre un paio d'ore sotto la supervisione di un medico, dopo di che può andare a casa.

AIUTO! L'installazione di impianti con lenti fachiche è considerata una procedura reversibile. Su richiesta del paziente, la IOL può essere rimossa e la visione ritorna al suo stato originale.

Il costo dell'operazione di impianto può variare in città diverse e persino in cliniche diverse all'interno della stessa località. La maggior parte dei costi ha rappresentato il costo dell'obiettivo stesso, che dipenderà dal modello del modello. Al momento, i pazienti dovrebbero aspettarsi 75 mila rubli. Questo prezzo minimo per l'installazione di un budget phakichnoy IOL in un occhio.

Periodo di recupero

Il bulbo oculare è uno degli organi più sensibili e vulnerabili. Affinché la guarigione postoperatoria passi rapidamente e senza complicazioni, sarà necessario osservare uno speciale regime giornaliero.

Cosa non fare:

  • sollevare pesi del peso di 5 chilogrammi o più;
  • abbassa la testa;
  • visitare la sauna, il bagno, la spiaggia, la piscina;
  • usare cosmetici decorativi;
  • lavare con sapone;
  • strofina l'occhio, mettilo sotto pressione.

Le stesse restrizioni si applicano agli sport. Attività particolarmente pericolose associate allo scuotimento, - ciclismo, corsa, salto, sci.

Di norma, dopo l'intervento chirurgico, la visione viene ripristinata il giorno successivo. Ma anche durante la settimana non è consigliabile caricare gli occhi con il lavoro. Leggere, scrivere, guardare la TV e usare un computer è consentito per non più di 2 ore al giorno. Man mano che la guarigione progredisce, tutte le restrizioni saranno eliminate, ma le raccomandazioni dovrebbero essere seguite per circa 2 settimane.

Nei primi giorni dopo l'operazione, sono possibili leggeri disturbi agli occhi, lacrimazione e fotofobia. Tutti i sintomi sospetti devono essere segnalati al medico - forse avrete bisogno di instillazione di farmaci.

Video utile

Video sulle lenti intraoculari phakic - una vera salvezza per le persone con un alto grado di miopia:

Ora sai di cosa si tratta - gli impianti di lenti fachiche. Il metodo di impiantare tali obiettivi presenta una serie di vantaggi, tra cui l'alta efficienza, un breve periodo di riabilitazione e conservazione dell'alloggio. La tecnologia continua a migliorare e diventa più complessa per ottenere risultati ancora più impressionanti nel ripristino di una visione eccellente.

Lenti intraoculari fachiche

Recentemente, sono state sviluppate varie tecniche efficaci per correggere tali errori di rifrazione come l'astigmatismo, l'ipermetropia e la miopia. Lenti intraoculari Phakic (FIOL) - uno di questi. La loro caratteristica è che queste lenti sono installate nella camera anteriore o posteriore del bulbo oculare senza rimuovere la lente del paziente.

Negli anni Cinquanta del secolo scorso, iniziarono a condurre i primi esperimenti con la FIOL. Il primo impianto di lenti intraoculari a camera anteriore in un paziente con miopia fu eseguito nel 1953 da Strampelli. I risultati di questi esperimenti hanno fornito previsioni incoraggianti, ma in molti casi, dopo l'impianto della lente, i pazienti hanno sviluppato complicazioni come uveite, glaucoma secondario, atrofia dell'iride e riduzione progressiva delle cellule endoteliali corneali. A questo proposito, è stato necessario rimuovere un numero sufficiente di lenti impiantate. Solo dall'inizio dei duemila anni l'impianto di queste lenti cominciò ad essere ampiamente introdotto nella pratica clinica.

Le prime lenti intraoculari sono state usate per gli occhi afachici. Sono stati fissati all'iride sotto forma di un fermaglio dell'iride o un artiglio della lente dopo che la cataratta è stata rimossa per via intracapsulare. Questo tipo di obiettivo è stato inventato nel 1953. Fu solo nel 1978 che Worste sviluppò una lente intraoculare monoblocco, complanare, realizzata in polimetilmetacrilato. Era fissato alla periferia dello stroma dell'iride nel terzo medio, poiché questa parte dell'iride era piuttosto stazionaria. Una lente così opaca fu installata per la prima volta da un paziente con diplopia, che gli causò disagio. Nel 1986, un occhio miope fachico fu inizialmente impiantato con una clip di iris trasparente.

A causa del fatto che dopo aver installato le lenti intraoculari nella camera anteriore, sono state spesso sviluppate complicazioni come danni all'endotelio della cornea, o si sono evidenziati aloni e aloni colorati, i ricercatori hanno continuato a lavorare sulla creazione di altri tipi di lenti che potrebbero essere impiantati nell'organo posteriore della visione.. Svetoslav Fyodorov ha proposto di usare un obiettivo del genere nel 1986. Aveva la forma di un fungo e si fissava con due elementi tattili dietro l'iride, la sua parte ottica sporgeva attraverso la pupilla. Tuttavia, dopo l'impianto di questa lente, potrebbero svilupparsi complicazioni come la cataratta, l'iridociclite o il glaucoma a causa del blocco pupillare e la lente stessa potrebbe spostarsi.

I moderni campioni di lenti phakic intraoculari sono più sicuri dei primi modelli. I loro produttori tengono necessariamente conto dell'esperienza accumulata per minimizzare il rischio di complicazioni.

Impianto di IOL fachiche: indicazioni

L'installazione di FIOL oggi è un'alternativa alla correzione della visione laser per i pazienti che soffrono di astigmatismo, ipermetropia o miopia. Questa tecnica è anche consigliabile applicare nei casi in cui un paziente con un alto grado di astigmatismo, a causa della presenza di una patologia che impedisce un intervento chirurgico chererofattivo o che abbia una guaina corneale insufficiente, non sia sicuro per eseguire la correzione laser.

L'errore di rifrazione viene corretto abbastanza bene da questa tecnica: miopia fino a venticinque, ipermetropia fino a venti, astigmatismo fino a sei diottrie.

Tipi di nome

Le lenti fachiche, a seconda della fotocamera in cui vengono impiantati, si presentano in due forme: camera anteriore e camera posteriore. Le lenti della camera anteriore sono posizionate tra la cornea e l'iride, mentre le lenti della camera posteriore sono posizionate davanti all'obiettivo, cioè direttamente dietro l'iride. Per fissare le lenti della camera anteriore, gli elementi di bloccaggio possono essere posizionati in due punti: nell'angolo della camera anteriore o direttamente sull'iride.

I ricercatori hanno sviluppato due opzioni per lenti a camera posteriore: PRL (Phakic Refractive Lens) e ICL (Implantable Collamer Lens). Differiscono nel materiale da cui sono fatti e nei punti di fissazione nella camera posteriore del bulbo oculare. PRL è realizzato in silicone con proprietà idrofobiche e ICL è costituito da un collamer (uno speciale copolimero di collagene con acrilico idrofilo). Gli elementi tattili dell'ICL - la lente phakic intraoculare - possono essere collocati nel solco ciliare, dove sono saldamente tenuti insieme senza attaccamento ancillare tra l'iride e la lente cristallina, per cui non possono spostarsi senza ulteriori sforzi. Gli elementi tattili di PRL, dopo essere stati posizionati nella camera, sono sulle stesse fibre zonulari, su cui è anche sospesa la lente. Non fissano l'obiettivo con la stessa fermezza dell'ICL, quindi possono muoversi liberamente nella camera posteriore nel fluido intraoculare.

Controindicazioni

Ci sono tali controindicazioni all'impianto di lenti intraoculari fachiche:

  • aumento della pressione intraoculare o del glaucoma;
  • annebbiamento della cornea;
  • sublussazione (sublussazione) della lente;
  • cataratta;
  • patologia della retina o del corpo vitreo, che rende impossibile avere una buona visione o richiede un intervento chirurgico nel segmento posteriore dell'occhio;
  • interventi retinici, vitrei o antiglaucoma nella storia.

Quando si utilizzano i modelli a camera anteriore, dovrebbe esserci una profondità della camera anteriore di almeno tre millimetri e quelli della camera posteriore - 2,8 mm.

Chirurgia implantare FIOL

L'installazione di lenti fachiche viene effettuata su base ambulatoriale e dura da dieci a quindici minuti. Per l'introduzione della lente, viene eseguita un'incisione microscopica di non più di tre millimetri, che è auto-sigillata e non richiede cuciture. In questa operazione, l'alunno non si espande. Se gli obiettivi sono installati nella fotocamera posteriore, la pupilla viene pre-espansa. Dopo l'impianto della lente, il paziente inizia rapidamente a condurre una vita normale. All'inizio, dopo l'impianto, ci sono delle restrizioni riguardo alle procedure igieniche.

Installazione video fakichnoy IOL

complicazioni

Naturalmente, come per qualsiasi intervento chirurgico, ci sono alcuni rischi durante l'impianto di lenti fachiche. Ad esempio, il rischio di endoftalmite, che può causare una perdita completa della vista, è dello 0,1-0,7%, ma è lo stesso di quando si installano lenti afactiche. Per la profilassi del blocco pupillare dopo l'impianto di FIOL, prima o durante l'intervento chirurgico, l'iridotomia viene eseguita con successo - una procedura in cui diversi fori microscopici poco appariscenti sono applicati nella parte superiore dell'iride.

Ogni tipo di lente fachica può portare a complicazioni specifiche. Pertanto, l'ovalizzazione pupale, che è accompagnata dalla comparsa dell'abbagliamento, può svilupparsi dopo l'installazione di lenti a camera anteriore. Ciò è dovuto allo spostamento o all'installazione imprecisa degli elementi tattili dell'obiettivo. In questo caso, mettono sotto pressione l'angolo della camera e causano problemi con la circolazione dell'iride o cambiamenti fibrosi secondari. Questo può anche essere evitato: è necessario fare calcoli precisi alla vigilia dell'operazione e installare la lente allo stesso modo. Se si verifica questa complicazione e si sviluppa la sindrome da uveite-glaucoma-ifhe o distrofia epiteliale endoteliale, può essere necessario espiantare la lente.

Perdita di cellule corneali e ipertensione intraoculare possono verificarsi con l'impianto di lenti fachiche a camera anteriore. La prima complicazione è associata alla difficoltà di calcolare la dimensione ottimale della lente e la possibilità della sua inversione dopo l'operazione, e la seconda con la sua localizzazione nella camera anteriore del bulbo oculare.

Dopo l'impianto della camera posteriore FIOL, si osservano più spesso complicanze quali la cataratta e la sindrome da dispersione dei pigmenti. Si sviluppano come risultato del contatto del corpo estraneo con la lente o l'iride del paziente, che si verifica negli ipermetropi a causa della stretta camera posteriore dell'occhio o con una riduzione imprecisa delle dimensioni dell'obiettivo.

Un trauma operativo può portare allo sviluppo della cataratta. A causa di alcune differenze nella struttura di varie opzioni di lenti, il suo rischio è più pronunciato con l'impianto ICL rispetto a PRL. A volte durante l'impianto di PRL, a volte può verificarsi la rottura delle fibre zonulari, che causa lo spostamento o decrescenza della lente stessa.

sicurezza

Attualmente, gli oftalmologi utilizzano sempre più lenti intraoculari fachiche nel loro lavoro, ma le informazioni su di loro sono piuttosto unilaterali. Sfortunatamente, posizionando gli aspetti positivi della tecnica, le possibili complicazioni vengono ignorate. Inizialmente, le lenti fachiche sono state offerte per la correzione solo di anomalie di rifrazione di alto grado, e successivamente sono state impiantate in pazienti a cui sono stati mostrati correzione della visione laser, occhiali o lenti.

La completa reversibilità dell'operazione è posizionata come il principale vantaggio del metodo, ma tale approccio induce in errore i pazienti: dopo l'intervento chirurgico, l'organo della visione non sarà mai identico a quello prima dell'operazione. Non dimenticare la lesione del bulbo oculare durante l'operazione stessa, il rischio di endoftalmite. Se è necessario che la lente venga espiantata, il rischio di sviluppare complicazioni è raddoppiato. E per il momento in cui l'obiettivo si trova all'interno del bulbo oculare, possono verificarsi processi irreversibili. Inoltre, la rimozione della lente - non una semplice manipolazione, come sembra a prima vista. Non è sempre liscio.

Certamente, questo metodo di correzione della vista è rivoluzionario, ha migliorato la qualità della vita di molte persone. Ma l'esperienza relativamente piccola di impianto di FIOL rende impossibile valutare appieno il rischio di sviluppare complicazioni ritardate, che richiede un approccio attento alla selezione dei pazienti per la chirurgia.

Prezzi per lenti fachiche artificiali

perché Le lenti fachiche hanno un design abbastanza semplice (ad eccezione delle lenti toriche, che vengono utilizzate per correggere l'astigmatismo corneale), il loro costo è relativamente piccolo e ammonta a circa 20.000 rubli (escluso il costo dell'operazione di impianto).

Lenti intraoculari

Lenti intraoculari (IOL) - una delle più importanti conquiste dell'oftalmologia moderna. Tali lenti sono impiantate all'interno dell'occhio. Esistono due tipi di lenti intraoculari:
• afakichnye (lente artificiale), che vengono installati con la rimozione della propria lente dell'occhio, questi obiettivi sono usati per trattare la cataratta;
• fachico: utilizzato per correggere gli errori di rifrazione, vengono impiantati senza rimuovere l'obiettivo, una combinazione chiamata bifakia.

Per l'invenzione delle lenti intraoculari, l'umanità dovrebbe essere grata all'oftalmologo inglese Harold Ridley. Fu lui a richiamare l'attenzione sul fatto che i piloti della Royal Air Force che ricevettero una ferita penetrante agli occhi con frammenti di una lanterna in plexiglass rotto (polimetilmetacrilato) della cabina di pilotaggio dell'aereo non causarono una reazione infiammatoria.

Per la prima volta, una lente intraoculare fu impiantata il 29 novembre 1949 da una donna di 45 anni sottoposta a estrazione extracapsulare di cataratta. Nonostante il fatto che dopo l'operazione abbia sofferto di una miopia elevata residua, il corpo ha tollerato bene la lente artificiale impiantata. Dopo il rapporto di Ridley al Oxford Ophthalmological Congress nel luglio del 1951, il metodo divenne molto diffuso. Tuttavia, i risultati lasciavano molto a desiderare a causa del gran numero di complicazioni.

Spesso, uveite causata da rimozione incompleta delle masse della lente, una reazione ai mezzi per la sterilizzazione delle lenti, glaucoma secondario, ifema (accumulo di sangue nella camera anteriore). Spesso, la IOL ha cambiato la posizione in cui è stata installata a causa di una fissazione inaffidabile.

In futuro, i materiali e il design della IOL hanno continuato a essere migliorati. Il più grande successo è stato raggiunto negli ultimi 20 anni e le lenti moderne hanno una sicurezza sufficiente per l'uso in una vasta pratica clinica.

Come accennato in precedenza, le IOL sono divise in fachico e afachico. Sia quelli che gli altri possono essere sia la camera anteriore che quella posteriore. Ma le IOL fachiche della camera anteriore sono solo sferiche (vale a dire, non correggono l'astigmatismo) rispetto a quelle della camera posteriore, che possono essere toriche, il che significa che allo stesso tempo con la miopia si può anche compensare l'astigmatismo. Le lenti della camera posteriore afachica sono più comunemente usate. Le camere anteriori sono utilizzate solo in casi particolarmente difficili in cui non è possibile installare la camera posteriore.

Le IOL Afakic sono divise in monofocali, toriche, multifocali e accomodanti. Le lenti monofocali e toriche di Afakichny permettono al paziente di dare una buona visione ad una distanza - in lontananza o vicino. Le IOL toriche vengono utilizzate quando è necessario l'astigmatismo. Le lenti multifocali e accomodanti sono progettate per offrire una buona visione a qualsiasi distanza, ma non sono adatte a tutti e non garantiscono un risultato soddisfacente per il paziente.

Le IOL toriche, multifocali e accomodanti sono convenzionalmente combinate in un gruppo di "lenti premium". La loro produzione è tecnologicamente più difficile rispetto a quella monofocale, che causa il loro costo molto più alto. Il termine "premium" è piuttosto marketing che medico e non indica affatto una maggiore sicurezza rispetto alle lenti monofocali e un risultato migliore.

Le IOL possono avere una superficie frontale sferica, la cui curvatura è uguale in tutte le sue zone, o asferica quando il raggio di curvatura della superficie della lente cambia gradualmente dal centro alla periferia, riducendo quindi le aberrazioni (distorsioni) e fornendo una migliore sensibilità al contrasto. Per la prima volta, una IOL asferica è stata proposta da BauschLomb nel 2004 con il nome SofPort Advanced Optics IOL.

La IOL monofocale Tecnis® (Abbott Medical Optics) è approvata dalla FDA come dotata delle minori aberrazioni sferiche, specialmente di notte durante la guida. Tuttavia, il vantaggio dell'utilizzo di IOL asferici nei pazienti anziani è controverso, poiché la loro ridotta sensibilità al contrasto è spesso associata alla perdita di cellule gangliari retiniche correlate all'età.

Le radiazioni ultraviolette e le onde luminose dello spettro visibile con una lunghezza d'onda fino a 500 nm possono danneggiare l'area centrale della retina dell'occhio, la macula. L'obiettivo umano è la protezione naturale delle strutture dell'occhio da questa radiazione. Per reintegrare la funzione protettiva dopo la sua rimozione, alcuni modelli IOL (ad esempio, AcrySof Natural® (Alcon), Optiflex Natural Yellow® (MossVision Inc. Ltd)) hanno uno speciale filtro giallo che blocca la penetrazione della luce ultravioletta, viola e blu con una lunghezza d'onda fino a 500 nm.

I produttori assicurano che non vi è alcuna riduzione della qualità della visione e della percezione del colore dopo l'impianto di tali IOL. Tuttavia, alcuni studi dimostrano che i pazienti possono ancora presentare una certa diminuzione della chiarezza e un deterioramento della percezione delle tonalità del blu in condizioni di scarsa luce.

Va notato che la necessità di bloccare la luce blu con una lunghezza d'onda di 440-485 nm è attualmente oggetto di discussione. Il principale effetto dannoso è osservato nella parte viola dello spettro (400-440 nm). Inoltre, i fotorecettori della ganglione retinica contenenti melanopsina necessitano di luce blu per mantenere il ritmo circadiano (quotidiano) del corpo, una violazione della quale può portare a una diminuzione della percezione della luce da parte dei bastoncelli (fotorecettori retinici) responsabili della visione crepuscolare. Ulteriori informazioni: filtri nella IOL.

Lenti intraoculari monofocali e toriche

Le IOL monofocali sono il tipo di obiettivo più comune al momento. Offre la migliore visione ad una certa distanza (vicino o lontano). Pertanto, i pazienti che sono stati impiantati con tale lente sono costretti a usare gli occhiali per la distanza o per la lettura. Tuttavia, è opinione diffusa che le lenti monofocali abbiano maggiori vantaggi rispetto alle lenti multifocali, poiché offrono una visione di qualità superiore e praticamente non producono aberrazioni. In alcuni casi, il fenomeno della pseudo-accomodazione può eliminare l'uso di occhiali. Un fattore importante è il costo notevolmente inferiore di tali obiettivi rispetto al segmento premium.

Attualmente abbiamo le più comuni IOL monofocali Tecnis® (Abbott Medical Optics), AcrySof IQ Natural® (Alcon).

Le IOL toriche sono essenzialmente monofocali e sono utilizzate per correggere l'astigmatismo. Hanno una diversa potenza ottica lungo due assi. Quando impiantate una tale lente, è molto importante impostarla nella posizione desiderata, poiché un piccolo spostamento porta ad una diminuzione della chiarezza dell'immagine, ed è impossibile eliminarlo senza re-intervento.

Per facilitare l'impianto, le etichette vengono posizionate sulla superficie frontale dell'ottica IOL, che deve essere installata con precisione durante l'operazione in base all'asse del potere diottrico richiesto della cornea. La rotazione (rotazione), che porta ad una deviazione dell'asse della lente di 1 ° dall'acuità visiva necessaria per la migliore correzione, riduce la potenza ottica del cilindro del 3,3% e di 30 ° lo spegne quasi completamente. Prima dell'operazione di un arto, i segni vengono solitamente fatti alle 6 o alle 12 e alle 6. Quindi, usando gli strumenti speciali (manesoz gauge, Della marker o altri), segna l'asse, che dovrebbe essere corretto con una IOL torica.

La prima IOL torica raccomandata nel 1998 dalla FDA è stata la STAAR Toric IOL® (STAAR Surgical). Nel settembre 2005, un altro modello è stato approvato per l'uso negli Stati Uniti: AcrySof IQ Toric IOL® (Alcon). T-flex® Toric Aspherical IOL (Rayner) è disponibile al di fuori degli Stati Uniti. Queste lenti hanno una vasta gamma di combinazioni di sfere e cilindri.

Il fenomeno della pseudo-sistemazione. I pazienti che sono stati impiantati con una IOL multifocale o accomodante possono vedere bene a distanze diverse a causa del design dell'obiettivo. Comunque, abbastanza spesso in pazienti che hanno subito un impianto di una IOL monoculare, una visione sufficientemente chiara è anche osservata vicino e distante. Il volume di pseudoacomodation in alcuni casi può raggiungere 4 diottrie. L'effetto migliore si ottiene con l'impianto bilaterale della IOL, che rende l'occhio "leader" emmetropico (cioè adattato alla lontananza) e l'altro miope a 1-1,5 diottrie (al più vicino).

Il meccanismo della pseudoacomodazione non è ben compreso e i risultati della ricerca in corso sono spesso contraddittori, ma si ritiene che la base di questo fenomeno risieda in:
• l'emergere dell'astigmatismo nel periodo postoperatorio;
• aberrazioni ottiche dell'occhio;
• profondità focale;
• diametro della pupilla;
• movimento della IOL nella direzione antero-posteriore;
• la possibilità di percezione visiva;
• qualità ottica IOL;
• condizione del sacchetto capsulare;
• lavoro di muscoli extraoculari.

Il grado di influenza di ciascuno dei fattori è anche ambiguo e si differenzia in diversi studi.

Lenti intraoculari multifocali

Questo è un tipo abbastanza nuovo di IOL, che consente di ridurre o eliminare la necessità di indossare gli occhiali dopo l'impianto. Hanno diverse zone ottiche, che consentono di concentrarsi sui raggi di luce retina da oggetti situati a distanze diverse. Questa è la differenza principale tra l'obiettivo multifocale e quello accomodante. Il principio del suo lavoro è simile al progressivo contatto o lenti per occhiali. Tuttavia, la dimensione delle zone ottiche è molto piccola, il che porta ad una diminuzione del contrasto e della chiarezza dell'immagine. Alcuni rappresentanti di questo tipo di lenti sono: AcrySof IQ ReSTOR® (Alcon); ReZoom® (Abbott Medical Optics o AMO); Tecnis® Multifocale (AMO).

Attualmente sono disponibili due opzioni principali di Iry ReSTOR® AcrySof IQ (Alcon). Il primo, con un design non sferico, è stato approvato dalla FDA nel marzo 2005 e alla fine del 2008 è stata approvata una nuova versione per l'uso. A differenza del precedente, ha una diversa potenza ottica per la zona responsabile della messa a fuoco a distanza ravvicinata (+3,0 diottrie, non +4,0 diottrie), che consente di vedere meglio a una distanza media (circa 1 metro).

ReZoom® IOL (AMO) è una versione avanzata della lente multifocale Array® dello stesso produttore. Ha 5 zone sotto forma di anelli concentrici per la migliore messa a fuoco a diverse distanze. ReZoom® è stato preferito per fornire una visione a media distanza fino al rilascio della seconda generazione AcrySof IQ ReSTOR®.

Il Tecnis® IOL (AMO) funziona secondo lo stesso principio di AcrySof IQ ReSTOR®. Questo obiettivo è stato approvato dalla FDA nel gennaio 2009. Gli studi hanno dimostrato che un'elevata acuità visiva è assicurata nel 93% dei pazienti che sono stati impiantati con questa IOL.

Dopo l'impianto di una IOL multifocale, circa il 30% dei pazienti nota l'apparizione di abbagliamento e "alone" (circuiti arcobaleno) da sorgenti luminose, specialmente di notte. Tuttavia, nonostante l'inconveniente, in sei mesi la maggioranza si abitua a queste carenze. Tuttavia, una tale IOL è controindicata per i conducenti professionisti che lavorano in qualsiasi momento della giornata.

In alcuni casi, dopo l'impianto, è necessario utilizzare la correzione degli occhiali per le medie e le distanze vicine, ricorrere alla chirurgia refrattiva (LASIK, cheratotomia) a causa dell'imprecisione nei calcoli e dell'imperfezione del disegno della IOL, aumento dei requisiti del paziente per la qualità della visione ottenuta, imprevedibile e indipendente dal chirurgo gli effetti della chirurgia.

Una controindicazione all'impianto di una IOL multifocale può essere la presenza di patologia retinica in un paziente, che impedisce il raggiungimento della qualità dell'immagine desiderata, nonostante la corretta selezione dell'obiettivo e il corretto funzionamento.

Con tutti i benefici della IOL multifocale, i pazienti con emmetropia (ad eccezione dei presbiti) e miopia lieve e moderata potrebbero non essere soddisfatti dei risultati dell'operazione. La ragione è che inizialmente la loro visione era buona o la sua riduzione non interferiva con il lavoro quotidiano. Le caratteristiche della vista che possono apparire dopo l'operazione possono risultare difficili da tollerare o generalmente inaccettabili, e le speranze di un completo ripristino della vista e il rifiuto degli occhiali potrebbero non essere giustificate.

Accogliere le lenti intraoculari

Il design della lente accomodante consente di spostarsi in avanti e indietro sotto l'influenza del muscolo ciliare e cambiare la messa a fuoco, imitando l'azione dell'apparato accomodativo. Una lente accomodante ha solo una zona ottica, che riduce la gravità di problemi quali l'abbagliamento e l'effetto alone in condizioni di luce scarsa, fornisce una visione più chiara nella distanza. Al suo centro, è una lente monofocale, che, dopo l'impianto, può cambiare la sua posizione nell'occhio. Tuttavia, gli IOL accomodanti non offrono una tale gamma di focus come quelli multifocali, il che può portare alla necessità di un ulteriore uso degli occhiali da lettura.

Il primo approvato dalla FDA (nel 2003) che supporta IOL è il Crystalens (BauschLomb). Sono state rilasciate diverse modifiche. Nel 2008, la versione Crystalens HD (ad alta definizione) divenne disponibile, il che rese possibile ottenere una visione più chiara nelle vicinanze senza perdere la sua qualità a medie distanze e in lontananza, così come con meno aberrazioni (bagliore, alone) in condizioni di scarsa illuminazione. Buoni risultati sono stati osservati nell'80% dei pazienti. All'inizio del 2010, BauschLomb ha annunciato Crystalens Aspheric Optic (AO), che offre una maggiore sensibilità al contrasto e meno aberrazioni.

In diversi paesi del mondo vengono utilizzati altri modelli di lenti accomodanti. Alcuni di loro sono attualmente sottoposti a test FDA al fine di autorizzare l'uso negli Stati Uniti. Questi includono Synchrony (Visiogen) - una IOL monoblocco flessibile in silicone impiantata nella capsula del cristallino. Consiste di due elementi ottici collegati a molla (quello anteriore, che è una lente di raccolta, e quello posteriore - il diffusore). Quando il muscolo ciliare funziona, sono spostati l'uno rispetto all'altro, fornendo così la messa a fuoco necessaria dell'immagine di oggetti sulla retina a diverse distanze. I primi risultati sono abbastanza promettenti (gli impianti sono iniziati nel 2007): la conservazione di una buona acuità visiva in lontananza e vicino per lungo tempo, la mancanza di un effetto alone e bagliore.

IOL NuLens (NuLensLtd.) È posizionato dal produttore per offrire l'opportunità di aumentare l'alloggio fino a 10 diottrie, mentre il resto, approvato per l'uso, può fornire solo circa 2 diottrie. Tali dati sono stati ottenuti negli studi sulle scimmie.

NuLens ha un design unico. Al suo interno è una camera riempita di silicone, divisa da un "pistone" con un foro al centro, attraverso il quale il silicone può scorrere dalla parte anteriore a quella posteriore. L'obiettivo è fissato nel solco ciliare. La capsula è usata come elemento del diaframma mobile, che include anche legamenti di Zinn e processi ciliari. Attraverso il suo potere, il muscolo ciliare durante la sistemazione agisce sul "pistone" e il silicone, spostandosi da una parte all'altra della camera, modifica la curvatura della superficie anteriore dell'obiettivo. I risultati dell'uso di questo modello di una IOL non sono attualmente sufficienti per giudicare i suoi vantaggi rispetto ad altri.

FluidVision Intraocular Lens Iating (PowerVision) è attualmente in fase di sperimentazione clinica. In esso, in risposta alla contrazione del muscolo ciliare, il fluido dai serbatoi degli elementi tattili fluisce nella parte ottica, cambiando forma e potenza ottica. I risultati preliminari suggeriscono la possibilità di aumentare la capacità accomodativa di oltre 5 diottrie.

La soluzione IOL IOL (Tekia) IOL di Teol-Clear, fabbricata in Germania, ha un design unico. La parte ottica si trova al centro ed è collegata alla parte tattile circostante mediante attacchi flessibili, che gli consentono di muoversi in base alla contrazione e al rilassamento del muscolo ciliare. A sua volta, l'haptica ha un bordo rettangolare, che riduce il rischio di sviluppare opacizzazione della capsula del cristallino posteriore.

SmartLens (Medennium Inc. (Irvine, California)) è un altro tipo di lente accomodante. Quando viene impiantato attraverso una micro-sezione, invece della sostanza propria dell'obiettivo, nella capsula viene introdotto acrilico idrofobico termodinamico, che sotto l'influenza della temperatura del corpo umano si trasforma in una lente morbida simile al gel in meno di 30 secondi. Così, la flessibilità dell'obiettivo insita in lui in giovane età e la capacità di adattarsi, vengono restituite. Una tale lente resiste all'ingombro della capsula del cristallino, non si sposta e non ha aberrazioni.

In alcuni paesi, viene attualmente utilizzata la cosiddetta lente intraoculare regolabile luce Lenti (LAL), prodotta da Calhoun Vision di Pasadena, in California. Se esposto alla luce ultravioletta con una certa lunghezza d'onda, si verifica la polimerizzazione dei suoi componenti macromerici. Ciò porta a un cambiamento nella potenza ottica dell'obiettivo, che consente di correggere l'ametropia postoperatoria nell'intervallo fino a 2 diottrie senza un ulteriore intervento chirurgico o correzione degli occhiali. Ora la FDA sta conducendo i suoi studi clinici.

Va notato che non in tutti i casi l'impianto di questo tipo di lente soddisfa pienamente il paziente. La ragione di ciò potrebbe essere insufficiente, a suo parere, l'acutezza visiva alla giusta distanza. L'astigmatismo inoltre non sempre consente di ottenere la nitidezza desiderata dell'immagine. Le aberrazioni cromatiche, come l'abbagliamento e gli aloni (riflessi), l'acuità visiva ridotta e la sensibilità al contrasto in condizioni di scarsa illuminazione possono peggiorare il risultato dall'impianto di tali obiettivi.

Lenti intraoculari fachiche

Uno degli ultimi sviluppi nei metodi di correzione degli errori di rifrazione (miopia, ipermetropia, astigmatismo) sono lenti intraoculari fachici (FIOL). Tali lenti sono installate nella camera anteriore o posteriore dell'occhio senza rimuovere la lente del paziente (da cui il nome è fakichnaya).

In un'ampia pratica clinica, queste lenti iniziarono ad entrare dall'inizio degli anni 2000. Tuttavia, i primi esperimenti con la FIOL furono eseguiti negli anni '50 del secolo scorso. Nel 1953, Strampelli impiantò la IOL della camera anteriore per correggere la miopia. Tuttavia, nonostante i primi risultati fossero incoraggianti, molte lenti dovevano essere rimosse per motivi di riduzione progressiva del numero di cellule endoteliali della cornea, atrofia dell'iride, cambiamenti nella forma della pupilla, uveite e glaucoma secondario.

Inizialmente, la IOL, fissata all'iride (fermagli dell'iride, artiglio della lente), veniva utilizzata negli occhi afachici dopo l'estrazione della cataratta intracapsulare. I primi obiettivi di questo tipo furono inventati nel 1953. Nel 1978, Worste sviluppò un IOL polimetilmetacrilato di un pezzo complanare (monoplano), che era fissato alla periferia centrale dello stroma dell'iride, che è una parte relativamente fissa di esso. Nel 1979, una lente opaca di questo disegno è stata installata su un paziente con diplopia, che ha causato gravi disagi. Nel 1986, la IOL trasparente Iris è stata installata per la prima volta nell'occhio fachico miope.

La presenza di complicanze (aloni colorati e abbagliamento, danni all'endotelio della cornea) dopo l'installazione di IOL camera anteriore ha spinto i ricercatori a sviluppare altri modelli della lente, la camera posteriore. Nel 1986, Fedorov propose l'uso di una delle prime IOL di questo tipo. Aveva un design speciale, simile a una forma a fungo. L'obiettivo era collegato all'iride con due elementi tattili e la parte ottica sporgeva attraverso la pupilla. Ma il suo impianto potrebbe portare a complicazioni come spostamento dell'obiettivo, glaucoma causato dal blocco pupillare, iridociclite, cataratta.

Il livello di sicurezza dei moderni modelli di IOL fachiche è molto più alto di quello dei primi modelli. I produttori cercano di prendere in considerazione tutta l'esperienza accumulata al fine di minimizzare il rischio di conseguenze negative.

FIOL è posizionato come alternativa alla correzione laser per i pazienti con un alto grado di miopia, ipermetropia e astigmatismo, quando la cornea non è sufficientemente densa per una correzione completa e sicura o la chirurgia chererofattiva è controindicata per il paziente - ad esempio con cheratocono.

La possibilità di correggere gli errori di rifrazione con questo metodo è molto alta: miopia fino a -25,0 D, ipermetropia fino a 20,0 D, astigmatismo fino a 6,0 D.

Come accennato in precedenza, nel sito di impianto, le lenti fachiche sono divise in lenti a camera anteriore e camera posteriore. Nel primo caso, la lente è posizionata tra la cornea e l'iride, nella seconda - direttamente dietro l'iride davanti all'obiettivo. Gli elementi di fissaggio (aptica) delle lenti per camera anteriore possono essere posizionati in due punti: nell'angolazione della telecamera anteriore (fissata all'angolo) o sull'iride (fissata all'iride).

Esistono due tipi di lenti per camera posteriore, ICL (Impain Collamer Lens) e PRL (Phakic Refractive Lens). Le loro principali differenze sono il materiale utilizzato nella fabbricazione e i punti di fissazione nella camera posteriore dell'occhio. ICL è costituito da uno speciale copolimero di collagene con acrilico idrofilo (collant), e PRL, a sua volta, è realizzato in silicone idrofobo. Gli elementi tattili del primo tipo di FIOL si trovano nel solco ciliare, dove sono ben tenuti senza una fissazione aggiuntiva tra l'iride e la lente cristallina e senza sforzi particolari non vengono spostati. Il PRL può muoversi nel fluido intraoculare della camera posteriore, poiché gli elementi tattili, dopo l'impianto, si trovano sulle fibre zonulari, su cui è sospeso il cristallino, e non forniscono una fissazione così forte della lente come nell'ICL.

Controindicazioni all'impianto di IOL fachiche sono: annebbiamento della cornea; cataratta; sublussazione (sublussazione) della lente; glaucoma o aumento della pressione intraoculare; problemi con la retina o il corpo vitreo che rendono impossibile una buona visione o richiedono un intervento chirurgico nel segmento posteriore dell'occhio; precedenti interventi chirurgici agli occhi, come la chirurgia retinica, vitreale o antiglaucoma. Quando si utilizzano i modelli a camera anteriore, la profondità della fotocamera anteriore deve essere di almeno 3,0 mm, mentre i modelli della camera posteriore devono essere di almeno 2,8 mm.

L'operazione di installazione di una lente fachica dura 10-15 minuti e viene eseguita su base ambulatoriale. Per l'impianto della lente viene realizzata una micro incisione autosigillante con una dimensione fino a 3,0 mm, che non richiede cuciture. Nel caso di installazione di lenti per camera posteriore, è necessario espandere la pupilla in anticipo, mentre non è necessario per gli obiettivi della camera anteriore. Dopo la procedura, il paziente ritorna rapidamente al suo solito stile di vita. Le restrizioni sono minime e riguardano principalmente le procedure igieniche al primo intervento chirurgico.

Come in ogni procedura chirurgica, l'impianto di lenti fachiche comporta alcuni rischi. Come con qualsiasi chirurgia intraoculare, esiste il rischio di endoftalmite, che può portare alla completa perdita della vista. È lo 0,1-0,7%, cioè circa lo stesso di quello durante l'impianto delle IOL afachiche.

La possibile insorgenza di un blocco pupillare dopo l'impianto di FIOL viene evitata con successo conducendo iridotomia prima o durante l'operazione. In questa procedura, solitamente nella parte superiore dell'iride sono praticati uno o più fori microscopici poco appariscenti.

Esistono complicanze specifiche per ogni tipo di IOL fachico. Uno di questi obiettivi per camera anteriore è l'ovalizzazione della pupilla, accompagnata dalla comparsa dell'abbagliamento, solitamente associata allo spostamento o all'installazione scorretta degli elementi tattili della lente. Esercitano una pressione sull'angolo della camera, provocando cambiamenti fibrosi secondari e interruzione dell'erogazione di sangue all'iride. Per evitare che si verifichi, è necessario calcolare con precisione i parametri della lente prima dell'operazione e posizionare correttamente la aptica durante l'impianto. Se questa complicanza si verifica nel caso di sindrome da uveite-glaucoma-ifema, distrofia endoteliale-epiteliale, può essere indicata l'espianto di lenti.

Complicazioni di installazione di lenti camera anteriore sono anche un aumento della pressione intraoculare e perdita di cellule endoteliali corneali. Il primo è dovuto alla localizzazione della lente nella camera anteriore, la seconda alla difficoltà nel calcolare la dimensione desiderata e alla possibilità di rotazione nel periodo postoperatorio.

Per la camera posteriore FIOL, la sindrome da dispersione della cataratta e del pigmento sono le complicanze più comuni. La causa di queste complicazioni è spesso il contatto con la lente o l'iride del paziente, che può verificarsi se le dimensioni della lente non sono corrette o la stretta camera posteriore dell'occhio, spesso riscontrata nell'ipermetropia.

Una cateratta può anche essere causata da una lesione durante un'operazione. Il rischio di insorgenza è maggiore con l'impianto di ICL rispetto a PRL, a causa di alcune differenze nel design. Quando PRL viene impiantato, a volte può verificarsi uno spostamento o decentramento della lente a causa della rottura delle fibre zonulari.

Le cliniche di oftalmologia stanno cominciando a utilizzare sempre più FIOL nel loro lavoro. Sfortunatamente, ci sono casi in cui le informazioni su questi obiettivi sono fornite unilateralmente. Le possibilità del metodo sono splendidamente dipinte, ma estremamente scarse - complicazioni. Se all'inizio le lenti fachiche venivano posizionate come metodo di correzione per i casi più difficili - correzione di errori rifrattivi di alto grado, poi venivano offerte a quei pazienti per i quali esiste un'alternativa sotto forma di occhiali, lenti a contatto e correzione della visione laser.

Come il vantaggio principale delle IOL fachiche rispetto ad altri metodi chirurgici, è indicata la reversibilità completa dell'operazione. Una tale formulazione può confondere i pazienti. L'occhio dopo aver rimosso la lente non sarà mai completamente identico all'occhio prima dell'impianto. In primo luogo, vi è il rischio dell'operazione stessa - endoftalmite, lesioni agli occhi e, nel caso di espianto di lenti, questi rischi per un particolare paziente sono raddoppiati a causa del doppio intervento chirurgico. In secondo luogo, mentre all'interno dell'occhio, l'obiettivo può causare cambiamenti irreversibili. In terzo luogo, la procedura per rimuovere la lente stessa è molto più complicata rispetto all'impianto, e non è sempre il modo in cui dovrebbe essere.

Naturalmente, questo metodo di correzione della visione ha il diritto di esistere e ha notevolmente migliorato la qualità della vita di molti pazienti. Tuttavia, la relativa novità del metodo (nella pratica clinica diffusa, l'impianto di FIOL ha iniziato a essere applicata relativamente di recente) limita la possibilità di valutare le complicanze, specialmente quelle a lungo termine.

conclusione

L'operazione di impianto di IOL viene eseguita in regime ambulatoriale, in anestesia locale a goccia, che è facilmente tollerabile da pazienti di età diverse e non sottopone a pressione il sistema cardiovascolare. La IOL viene inserita nell'occhio attraverso una micro incisione non superiore a 3,0 mm. La fase chirurgica richiede 10-20 minuti. Il periodo di riabilitazione è molto breve e le restrizioni sono minime, riguardano principalmente le procedure di igiene.

Milioni di impianti IOL vengono eseguiti ogni anno nel mondo. Circa il 98% degli interventi chirurgici non ha complicazioni. Le complicanze più comuni sono la cataratta (secondaria nel caso delle IOL afachiche), aumento della IOP, edema corneale, astigmatismo postoperatorio, spostamento della IOL.

Le lenti intraoculari sono un metodo di correzione della visione in via di sviluppo attivo. La principale differenza tra le lenti afakichnymi e phakichnymi è la prima: questo è l'unico modo per trattare la cataratta, che ha funzionato con milioni di operazioni. Le lenti fachiche sono utilizzate nella chirurgia refrattiva e dovrebbero essere considerate come un'alternativa agli occhiali, alle lenti a contatto e alla correzione della visione laser. Il numero di operazioni e il tempo di osservazione dei pazienti dopo l'installazione delle IOL fachiche è molto inferiore alle statistiche disponibili sugli obiettivi afachici. Per questo motivo, al momento è difficile valutare pienamente i rischi di tali obiettivi.

Autore: oftalmologo E. N. Udodov, Minsk, Bielorussia.
Data di pubblicazione (aggiornamento): 16/02/2019

Altri Articoli Su Infiammazione Dell'Occhio