Apparecchio Ahmed

Principale Retina

Per regolare il livello di pressione oculare nel glaucoma, viene utilizzata la valvola di Ahmed. Lo scopo del dispositivo è quello di ridurre il numero di gocce utilizzate per il trattamento e i rischi dell'ipotensione oculare regolando il flusso di liquido all'interno dell'occhio. Se installato correttamente, serve per diversi anni. Il dispositivo aiuta con la maggior parte dei tipi di glaucoma, ma se il paziente ha una forma neovascolare, l'efficacia dell'operazione è bassa a causa della progressione dei processi di distruzione della retina con atrofia dell'occhio stesso contro il rapido declino della visione.

Quando il livello di IOP (pressione intraoculare) a 21 mm Hg. Art. sullo sfondo del trattamento farmacologico, l'efficacia della valvola Ahmed è del 50-70%. Quando si rifiuta di meditare, questo numero scende al 30%.

Cos'è "Ahmed Valve"?

Questo dispositivo è realizzato in silicone con tubi e membrane che svolgono il ruolo di una valvola per la regolazione del livello di IOP superiore a 10-12 mm Hg. Art. La lunghezza dei tubi per la rimozione del liquido intraoculare è di 25 mm, il diametro interno è di 0,64 mm con una membrana lunga 8 mm e larga 7 mm. Le dimensioni del dispositivo stesso sono larghezza, lunghezza, spessore = 13 × 16 × 1,9 mm e le membrane sono 8 × 7 (lunghezza e larghezza). La valvola Akhmedov con tubuli collega la camera oculare anteriore con lo spazio subtenonico. Per migliorare l'effetto dopo l'intervento chirurgico durante l'installazione del dispositivo utilizzando il farmaco "Mitomicina".

Principio di funzionamento

Indicazioni per la chirurgia

Per la chirurgia, sono necessarie le seguenti indicazioni:

  • L'inefficacia del trattamento chirurgico per glaucoma traumatico, congenito e aniridia.
  • Malattia di Dekomopensatsiya dopo trabeculectomy con antimetaboliti.
  • Complicazioni sotto forma di cicatrizzazione della congiuntiva dopo la sua rimozione.
  • Glaucoma acuto dovuto alla rimozione delle trabecole.
Torna al sommario

condotta

Il giorno prima dell'operazione, gocce antibatteriche sono fatte nel paziente. Prima che la procedura venga eseguita in anestesia locale (fare un'iniezione). L'operazione è la seguente:

Si ritiene che la distanza ottimale per l'arto dovrebbe essere di 8-10 mm.

  1. La scelta della posizione. Di norma, la corretta localizzazione sarà nell'area compresa tra le fibre muscolari oblique dell'occhio e il bordo anteriore a una distanza di 8-10 mm dal limbus.
  2. Installare la valvola nella tasca, formata sulla sclera. Corri in questo modo:
    1. L'incisione della congiuntiva della dimensione desiderata sotto la dimensione della valvola, seguita dalla separazione della lunghezza del dispositivo installato. Fare un arto
    2. Separazione della capsula del tenone dalla sclera oftalmica.
    3. Stanza della valvola
    4. Presentando alla sclera.
  3. Installazione del tubo utilizzando il lembo sclerale del donatore o del paziente.
  4. Coprire la parte staccata della congiuntiva della valvola con il tubo e limare lungo la linea di taglio dell'arto.
Torna al sommario

Periodo di riabilitazione

Dopo aver installato la valvola Ahmed per 14 giorni, al paziente viene prescritto un ciclo di antinfiammatorio con gocce antibatteriche. Dopo 3 settimane, mostra la rimozione dei punti dalla congiuntiva e il controllo del livello di IOP. In condizioni normali, le gocce di antiglaucoma vengono cancellate. Il monitoraggio della PIO prosegue su base trimestrale, ovvero una volta ogni 3 mesi.

Risultati dell'operazione

efficacia

I primi miglioramenti sono già evidenti immediatamente dopo l'installazione del dispositivo di regolazione Ahmed, ma l'acuità visiva non viene ripristinata, ma viene mantenuta allo stesso livello. L'intera durata del dispositivo, a condizione che il paziente sia inizialmente installato correttamente, non disturbi i sintomi del glaucoma e lo sviluppo della malattia è sospeso.

complicazioni

  • Eccessivo drenaggio con shallowing della camera anteriore dell'occhio. Il problema è risolto nel periodo di riabilitazione iniziale regolando i punti.
  • Lesioni alla cornea a causa della scarsa fissazione del tubo con il suo effetto sull'endotelio.
  • Decompensazione della cataratta con attrito del tubo sulla lente.
  • Perdita con una piccola lunghezza di drenaggio.
  • Combattente coniugale.
  • Violazioni del deflusso attraverso il tubo a causa dell'ostruzione del corpo vitreo, dei tessuti dell'iride, del sangue.
  • Diplopia. Si sviluppa quando la dimensione della valvola non corrisponde o il dispositivo è posizionato sotto il muscolo dell'occhio.
  • Isolamento del cuscino di filtrazione dovuto al debole deflusso del fluido attraverso il drenaggio.

Quando una valvola o il suo tubo di drenaggio vengono spostati, vi è il rischio di un'interruzione del funzionamento del dispositivo, che può comportare difficoltà nel movimento degli occhi e scompenso della malattia. Ciò richiede un'operazione per ripristinare la posizione del dispositivo. C'è anche il rischio di endoftalmite tardiva - infiammazione con accumulo di pus negli occhi. Per evitare complicazioni, l'impianto deve essere eseguito da uno specialista esperto.

Impianto di valvole di Ahmed per il glaucoma

La valvola di Ahmed è un dispositivo che consente di controllare il livello di pressione intraoculare nei pazienti con qualsiasi tipo di glaucoma. L'uso di questo dispositivo aiuta a ridurre il numero di gocce medicinali usate e il rischio di ipotensione è ridotto al minimo.

La valvola di Ahmed sembra un sistema di tubi situato sulla superficie posteriore dell'espianto, che fornisce comunicazione tra la camera anteriore dell'occhio e lo spazio subtenonico. All'interno dei tubi ci sono valvole sensibili alla pressione e in grado di regolare il flusso del fluido intraoculare. Poiché durante l'operazione possono svilupparsi complicazioni, l'intervento deve essere affidato solo a uno specialista esperto.

testimonianza

Le indicazioni per l'installazione della valvola Ahmed includono:

  1. Mancanza di efficacia dopo l'intervento chirurgico per il glaucoma secondario (trabeculectomia con o senza antimetaboliti).
  2. Forma scompensata di glaucoma (dopo trabeculectomia operatoria con l'uso di farmaci antimetabolici).
  3. Cambiamenti cicatriziali pronunciati della congiuntiva che sono sorti dopo la sua escissione.
  4. Bassa efficienza del trattamento chirurgico (trabeculotomia, trabeculectomia, goniotomia) delle forme congenite di glaucoma.

Il dispositivo (valvola Ahmed) include un espianto sclerale, formando un tampone di filtrazione. Nella camera anteriore del bulbo oculare si trova l'estremità opposta dello shunt. Secondo esso, il liquido scorre nell'area dell'espianto, situata a 10-12 mm dal limbus.

Se il livello di pressione intraoculare aumenta, allora la valvola si apre e passivamente il fluido da una camera passa nell'area attorno al pad di filtrazione. Di conseguenza, si verifica l'equalizzazione della pressione, a seconda dell'area di incapsulamento e dello spessore della parete capsulare.

Video sull'installazione della valvola

complicazioni

Durante l'installazione all'interno della valvola oculare, Ahmed può riscontrare varie complicazioni:

  1. Ridurre le dimensioni della camera anteriore del bulbo oculare aumentando il volume del liquido che scorre. Per correggere questa complicazione, è sufficiente applicare suture regolabili nel primo periodo postoperatorio. Questo ridurrà il gioco dello shunt.
  2. La distrofia corneale si verifica quando lo shunt è mal fissato. Allo stesso tempo, c'è un contatto diretto della sostanza corneale con l'impianto.
  3. Se lo shunt è in contatto con la superficie dell'obiettivo, è possibile lo sviluppo e la progressione della cataratta.
  4. Dislocazione dello shunt dalla cavità della camera anteriore dell'occhio.
  5. Nell'area dello shunt fit si possono formare cambiamenti trofici e piaghe da decubito. Per ridurre il rischio di tali complicazioni, i tubi della valvola di Ahmed sono coperti da uno sciatore di donatore.
  6. Occlusione dello shunt con un oggetto estraneo, una particella dell'iride, una sostanza del corpo vitreo o un coagulo di sangue.
  7. La doppia visione si sviluppa in violazione del lavoro dei muscoli oculari, che cessano di restringersi amichevolmente. Questo accade più spesso quando l'impianto è attaccato al muscolo retto dell'occhio, così come con una vasta area di esso.
  8. La formazione di una capsula densa che copre il pad di filtrazione. Nel tempo, questa complicazione si verifica nel 10% dei pazienti operati.
  9. Endoftalmite tardiva.

risultati

Il risultato dell'installazione della valvola di Ahmed dipende dal grado di ipertensione intraoculare e dal tipo di glaucoma. Se il livello di pressione intraoculare non supera 21 mm Hg, quindi, insieme alla terapia farmacologica, l'efficienza raggiunge il 50-70%. In assenza di trattamento locale con farmaci speciali, l'efficacia dell'operazione è ridotta al 30-35%.

Se un paziente ha un tipo di glaucoma neovascolare, l'efficacia dell'operazione è bassa, poiché la distruzione della retina e l'atrofia degli occhi continuano a progredire, con compromissione della vista. Per migliorare l'efficienza dell'operazione durante l'installazione della valvola, Ahmed usa la mitomicina della droga.

Costo del funzionamento

Offriamo ai nostri pazienti operazioni antiglaucomatose con l'impianto di valvole di varie modifiche al prezzo di 50.000 rubli (per 1 occhio). Più in dettaglio con il costo del trattamento chirurgico del glauoma nel nostro centro oftalmologico è possibile specificare nella sezione PREZZI.

Valvola di Ahmed

Qual è la valvola di Ahmed?

La valvola di Ahmed è un dispositivo di silicone di dimensioni 13x16 mm con un tubo lungo circa 25 mm.

Consiste di un tubo, che durante l'operazione è posto nella camera anteriore dell'occhio e la base con la valvola, che sono fissati sulla sclera. Quando la pressione nell'occhio aumenta, il fluido si muove attraverso il tubo, mette la pressione sulla valvola, la apre e penetra nello spazio tra la base del capano e la sclera, da dove viene gradualmente assorbita nei vasi sanguigni.

Il tubulo funge da drenaggio e non consente al percorso di deflusso creato di crescere eccessivamente. La valvola dosa accuratamente il volume di liquido rimosso dall'occhio. Non appena la pressione nell'occhio scende ai valori normali, la valvola si chiude e il deflusso si interrompe.

Indicazioni per la chirurgia

Alta pressione intraoculare resistente al trattamento conservativo. Pressione oculare non stabile con progressivo deterioramento del nervo ottico e funzioni visive. Operazioni ripetute per ridurre la pressione intraoculare.

Com'è l'operazione?

Il giorno prima dell'intervento sono prescritte le gocce anti-infiammatorie e antibatteriche. Per alleviare il dolore, le iniezioni vengono fatte nella vena o sul viso. Inoltre, il chirurgo nasconde le gocce di dolore negli occhi.

Un'incisione della congiuntiva, la sua separazione dalla sclera. Un lembo viene estratto dalla sclera vicino al bordo della cornea di una forma quadrata al centro dello spessore della sclera. La sclera è stratificata verso la cornea e nella zona della loro transizione la camera anteriore viene aperta con un ago speciale (spesso come un ago da siringa in 2 ml). Attraverso la puntura nella camera anteriore dell'occhio, inserire l'estremità libera del tubo di drenaggio della valvola. Il lembo della sclera è orlato da punti di sutura interrotti, il tubo è inoltre fissato alla sclera con due punti di sutura. La base con la valvola è cucita sulla sclera tra i muscoli che muovono l'occhio (nella parte superiore interna o superiore interna). La mucosa viene suturata con una sutura continua ermetica.

Il fluido viene rilasciato dall'occhio, si muove attraverso il tubo, apre la valvola ed entra nello spazio sotto la base della valvola, da dove viene risucchiato nella sclera e nei vasi congiuntivali. La valvola non interferisce con il movimento delle palpebre e degli occhi e non è visibile lateralmente.

Periodo postoperatorio

Per 2 settimane dopo l'intervento chirurgico, viene prescritta l'instillazione di gocce anti-infiammatorie e antibatteriche. Dopo 3 settimane, le cuciture vengono rimosse dalla congiuntiva, il livello di pressione oculare viene controllato.

Se la pressione è normalizzata, l'instillazione non è più necessaria. In futuro, è necessaria una pressione oculare per verificare 1 volta in 3 mesi.

Risultati dell'operazione

Il livello di pressione oculare dopo l'intervento diventa normale. L'effetto persiste per molto tempo. Tuttavia, il monitoraggio della pressione intraoculare è richiesto trimestralmente. L'acutezza visiva dopo l'intervento chirurgico non aumenta.

L'operazione elimina la necessità di instillare gocce antipertensivi per un lungo periodo (fino a diversi anni).

Possibili complicazioni

Dopo l'intervento chirurgico, l'infiammazione può svilupparsi all'interno dell'occhio. Per prevenire questa complicazione, l'instillazione di gocce viene prescritta dopo l'intervento chirurgico.

Possibile spostamento di parti del dispositivo impiantato (sia la valvola stessa che il tubo di drenaggio). Il dislocamento può disturbare il funzionamento del dispositivo, ostacolare il movimento degli occhi e richiede un'operazione per ripristinare la sua posizione.

Recensioni della valvola del glaucoma

Valvola di Ahmed - impianto nel glaucoma

La valvola Ahmed è un dispositivo per il monitoraggio della pressione intraoculare utilizzato in tutti i tipi di glaucoma. Di conseguenza, la quantità di farmaci consumati e il rischio di ipotensione sono ridotti.

Questa valvola per mezzo di tubuli sulla superficie posteriore fornisce la connessione della camera anteriore con lo spazio subtennone. Le valvole situate all'interno sono sensibili alla pressione e regolano il flusso. L'operazione deve essere eseguita solo da specialisti esperti, poiché è possibile lo sviluppo di complicazioni.

1. Trattamento chirurgico inefficace del glaucoma secondario dopo trabeculectomia con o senza antimetaboliti (aniridia, glaucoma traumatico e neovascolare). 2. Glaucoma scompensato dopo trabeculectomia con l'uso di antimetaboliti. 3. Cambiamenti cicatriciali significativi della congiuntiva dopo la sua escissione. 4. Operazioni inefficaci (trabeculectomia, trabeculotomia, goniotomia) del glaucoma congenito.

La valvola di Ahmed ha un'esplosione sclerale nella sua composizione, che forma un cuscinetto di filtrazione. L'estremità distale dello shunt è localizzata nella camera anteriore dell'occhio, attraverso la quale il fluido scorre nell'area attorno all'espianto (10-12 mm dal limbus).

Un aumento di pressione porta all'uscita passiva dei contenuti liquidi e alla normalizzazione degli indicatori, che dipendono dallo spessore della parete capsulare e dall'area dell'incapsulamento.

La valvola Ahmed è un dispositivo per il monitoraggio della pressione intraoculare utilizzato in tutti i tipi di glaucoma.

complicazioni

Le complicazioni durante l'impostazione della valvola Ahmed includono:

• Aumento del drenaggio, che riduce le dimensioni della camera anteriore. La correzione di questo può essere effettuata nel primo periodo postoperatorio, imponendo cuciture regolabili che ridurranno la clearance dello shunt.

• Se lo shunt è mal fissato, si può sviluppare una distrofia corneale a causa del contatto con l'impianto.

• Se lo shunt è a diretto contatto con l'obiettivo, la cataratta progredirà.

• Dislocazione dello shunt dalla parte anteriore della fotocamera.

• Formazione di cambiamenti trofici (piaghe da decubito) nell'area dello shunt. Per ridurre il rischio di questa complicazione, la superficie del tubo è coperta da uno sciatore di donatore.

• Occlusione dello shunt con un corpo estraneo, coaguli di sangue, iride o tessuto vitreo.

• La visione doppia si verifica quando il funzionamento amichevole dei muscoli oculari è compromesso. Ciò accade spesso quando il corpo della valvola viene posizionato nell'area del muscolo retto o con una grande area superficiale dell'impianto.

• Formazione di una capsula densa attorno al pad di filtrazione, che si sviluppa nel tempo nel 10% dei pazienti.

risultati

I risultati del trattamento sono direttamente correlati al tipo di glaucoma e al grado di IOP aumentato. Se quest'ultimo è inferiore a 21 mmHg. Art. l'efficacia contro l'assunzione di droghe locali raggiunge il 50-70%. Se non si utilizza una terapia farmacologica aggiuntiva, la valvola è efficace solo in un terzo dei casi.

Nel glaucoma neovascolare, l'efficienza è piuttosto bassa a causa della progressiva distruzione della retina e dell'atrofia del bulbo oculare con alterata funzione visiva. Per aumentare l'efficienza dell'uso della valvola di Ahmed durante l'operazione, utilizzare anche il mitomcin

Dopo questi articoli è molto spaventoso mettere questa valvola, forse ci sono altri metodi per ridurre il vgd? 9, 23:33 Citazione: Messaggio di ikovalevigor In Russia, sono stati eseguiti pochissimi di questi e molti pazienti hanno avuto complicanze come: proliferazione di tessuto fibroso, spostamento della valvola dalla congiuntiva, caduta da un tubo, in persone che hanno fatto più di una volta glaucoma.

Kuznetsova ha detto che se c'è molta pressione, ci sarà una ciclocoagulazione laser che non è molto buona, hanno chiesto del drenaggio e Molteno ha detto che non lo sapeva. Dimmi, per favore, ne vale la pena di mettere o valvola Ahmed o un altro. Dove può essere fatto e dove altro si può consultare.

Ciao, voglio sapere la tua opinione. Abbiamo 6 mesi, glaucoma congenito, 2 operazioni nell'ospedale di Morozov. C'è un buon senso della luce quando portarlo allo specchio reagisce come se vedesse. Dissero che la retina era intatta, era un coloboma, ma dopo la prima operazione non c'era più. Presto andremo al prossimo sondaggio.

È possibile bloccare il tubo della valvola nella camera anteriore, ma ciò non accade spesso. Se c'è un corpo vitreo nella camera anteriore, allora dovrà essere rimosso. Alternative a questa operazione, se la visione salvata non può vedere. Qual è l'acutezza visiva di questo occhio? _. Cordialmente, Basinsky, Sergey Nikolayevich.

Questo membro ha detto grazie basso per questo post: # 3, 17:07, membro novizio, registrazione. Indirizzo: Arkhangelsk, messaggi: 74, ha detto (a) grazie: 16 L'acutezza al momento è 0.3, non c'è perdita di campi visivi, la retina è invariata. Dopo l'intervento chirurgico, la vista aumenterà, di regola per me, di 0,2 unità.

Shunt artificiali di drenaggio. Valvola di Ahmed.

Questi dispositivi di plastica comunicano tra la camera anteriore e lo spazio del subtenon. Gli shunt consistono in un tubo collegato alla parte posteriore dell'impianto. Alcuni contengono valvole sensibili alla pressione che controllano la filtrazione. A causa della frequenza relativamente alta delle complicanze postoperatorie, solo i chirurghi esperti devono installare dispositivi di drenaggio.

testimonianza

• Glaucoma non compensato dopo trabeculectomia con l'uso di antimetaboliti.

• Glaucoma secondario operato dopo trabeculectomia con o senza antimetaboliti, che non ha avuto esito positivo (glaucoma neovascolare, aniridia e glaucoma dopo lesione del segmento anteriore).

• Cambiamenti cicatriziali pronunciati della congiuntiva, eliminati con un'asportazione attenta e attenta.

• Alcuni tipi di glaucoma congenito dopo interventi chirurgici non riusciti (goniotomia, trabeculotomia, trabeculectomia).

Tipi di impianti

Utilizzare gli impianti Molteno. Baerveldt. Krupin e Ahmed (valvola di Ahmed) La valvola più popolare nei paesi della CSI è la valvola di Ahmed. Tutti gli impianti sono basati sul design originale Molteno. L'impianto include un espianto sclerale per formare un tampone filtrante funzionante. Un'estremità periferica del tubo cavo, che è uno shunt per l'uscita dell'umore acqueo nell'area incapsulata attorno all'espianto, 10-12 mm posteriormente al limbus, è collocata nella camera anteriore. Il meccanismo di riduzione della pressione intraoculare è associato a un passivo, a seconda della pressione, del deflusso dell'umore acqueo attraverso la parete della capsula di drenaggio. Il livello di riduzione della pressione dipende dalla resistenza all'uscita (più spesso la parete della capsula, maggiore è la IOP) e dall'area di incapsulamento totale (più grande è la superficie, più bassa è la PIO).

1. Un drenaggio eccessivo è associato alla filtrazione dell'umore acqueo attraverso il tubo di drenaggio nello spazio circostante e alla formazione di una camera anteriore poco profonda. La filtrazione può essere ridotta utilizzando suture regolabili per ridurre la clearance del tubo di drenaggio nel primo periodo postoperatorio.

2. Distrofia corneale a contatto con l'endotelio in una provetta scarsamente fissata.

3. La progressione della cataratta al contatto dell'estremità del tubo con la lente.

4. Il prolasso dalla camera anteriore è raro (se fosse troppo corto).

5. Le piaghe da decubito della congiuntiva nell'area del tubo di drenaggio. Per la loro prevenzione, è coperto da uno sciatore di donatore.

6. Interruzione del funzionamento del drenaggio a causa dell'estremità di blocco del tubo di drenaggio con il corpo vitreo, il sangue o il tessuto dell'iride.

7. La diplopia può verificarsi a causa di uno squilibrio dei muscoli oculari, specialmente se il corpo drenante è posto sotto un muscolo dritto o viene utilizzato per scarichi con una vasta area.

8. L'incapsulamento del cuscino di filtrazione può essere il risultato di un cattivo drenaggio. Questa complicazione si sviluppa in circa il 10% dei casi nel tardo periodo postoperatorio.

9. Endoftalmite tardiva.

risultati

I risultati dipendono dal tipo di glaucoma. Quando IOP

Impianto di valvole di Ahmed per il glaucoma

La valvola di Ahmed è un dispositivo speciale che consente di controllare il livello di pressione intraoculare e viene utilizzato per tutti i tipi di glaucoma. Permette di ridurre il numero di farmaci in questa patologia e ridurre il rischio di ipotensione.

La valvola è sensibile alla pressione e corregge il flusso del fluido intraoculare. Questo dispositivo consente di fornire la comunicazione della camera anteriore dell'occhio e dello spazio subtennonovogo a causa della presenza di tubi sulla sua superficie posteriore. Ha anche un espianto sclerale, che crea un cuscino filtrante.

L'estremità distale (posteriore) dello shunt è posta nella camera anteriore dell'occhio, lungo la quale il fluido scorre nell'area attorno all'espianto, situata a circa 10-12 mm dal limbo (la striscia divisoria tra la cornea e la sclera). Un aumento della pressione provoca un deflusso passivo del fluido intraoculare a causa di un sistema di drenaggio. Ciò porta al ripristino di indicatori che dipendono dalla dimensione della parete della capsula e dall'area della superficie dell'incapsulamento.

Indicazioni per l'impianto della valvola di Ahmed con glaucoma

La procedura chirurgica per l'impianto della valvola di Ahmed viene eseguita nelle seguenti condizioni:

  • L'assenza di un risultato positivo dopo l'intervento chirurgico per rimuovere le trabecole nel glaucoma secondario con o senza l'uso di antimetaboliti (aniridia, glaucoma neovascolare o traumatico).
  • Scompenso del glaucoma dopo la rimozione delle trabecole con l'uso di antimetaboliti.
  • Gravi difetti cicatriciali congiuntivali dopo l'escissione.
  • Interventi chirurgici infruttuosi per il glaucoma congenito (trabeculectomia, trabeculotomia, goniotomia).

Risultati dell'operazione

I risultati della procedura chirurgica dipendono direttamente dal tipo di glaucoma e dal livello di pressione intraoculare (IOP). A volte, la mitomicina C viene utilizzata per migliorare l'efficacia della valvola di Ahmed durante l'intervento.

Se l'IOP è inferiore a 21 mmHg, l'efficacia del dispositivo durante l'assunzione di medicinali locali è del 50-70%. Ma se non si usano droghe, si ottengono risultati positivi solo nel 30% dei casi.

Nel glaucoma neovascolare, è quasi impossibile ottenere un effetto, poiché la patologia è associata a danno progressivo della retina e atrofia del bulbo oculare con funzione di visione alterata.

L'impianto della valvola di Ahmed deve essere eseguito solo da specialisti esperti e qualificati, in quanto vi è un alto rischio di complicanze.

Complicazioni postoperatorie

  • L'aumento del deflusso del fluido, che provoca una diminuzione della camera anteriore dell'occhio. Questo può essere prevenuto nel primo periodo postoperatorio mediante sutura dello shunt, che riduce il suo lume.
  • Distrofia corneale dovuta al suo stretto contatto con l'impianto con insufficiente fissazione dello shunt.
  • La progressione della cataratta al contatto dello shunt e della lente.
  • La perdita di uno shunt dalla camera anteriore dell'occhio.
  • Patologie trofiche nell'area dello shunt (piaghe da decubito). Tali stati possono essere prevenuti con l'aiuto di una copertura del tubo con una sclera del donatore.
  • Violazione della pervietà dello shunt dovuta all'esposizione a corpi estranei, coaguli di sangue, iride o massa vetrosa.
  • Doppia visione, questa complicazione si sviluppa con la violazione dei muscoli oculari, che è associata al posizionamento del corpo del dispositivo nel retto o con una grande area superficiale della valvola.
  • Formare una capsula densa attorno al pad di filtrazione è una condizione inevitabile per il 10% dei pazienti.
  • Malattie infiammatorie tardive (endoftalmite).

Cliniche a Mosca, dove l'installazione della valvola Ahmed

Recensioni dopo l'intervento chirurgico

Il metodo di chirurgia e il periodo postoperatorio sono diversi per ogni persona, ma è possibile leggere le recensioni di pazienti sottoposti a tale trattamento o descrivere le proprie impressioni.

Condividi un link al materiale sui social network e sui blog:

Lascia un commento

Compila tutti i campi (i tag HTML non sono supportati!).

Commenti

Per liberarmi del glaucoma, mi è stato chiesto di mettere la valvola Ahmed (Achmed). Si ritiene che l'installazione della valvola sia migliore rispetto all'installazione di uno shunt X-Press, poiché l'effetto della valvola dura dieci anni e lo shunt per uno o due anni. La valvola è in realtà una valvola installata all'interno dell'orbita del cranio sull'occhio dall'alto, con un tubo inserito nella camera anteriore dell'occhio. Quando la quantità di liquido oftalmico nella camera anteriore aumenta, viene portata oltre l'orbita dell'occhio lungo il tubo con l'aiuto di una valvola, quindi la pressione viene regolata.
Ho eseguito l'operazione secondo VHI nel reparto di oftalmologia n. 1 del 2 ° ospedale cittadino (San Pietroburgo, Uchebniy Lane, 5), chirurgo V.P. Nikolaenko. Per DMS e pazienti pagati, c'è una bella stanza con TV, frigorifero e bagno. Il cibo è terribile, devi venire in sala da pranzo con i tuoi strumenti e piatti, non ci sono forchette, potresti dare una coda di aringa (e tutto!) Per la cena, che dovevi in ​​qualche modo mangiare con un cucchiaio. Il personale infermieristico in generale è ahtung: maleducato, urlante, quando dopo un'operazione di notte mi doleva la testa, mi rivolgevo alle infermiere, mi spingevano fuori dalla casa di cura, dicevano che stavo disturbando loro a riposare. In generale, dopo l'operazione, non sono state eseguite procedure di supporto, come contagocce, punture, misurazioni di pressione o di temperatura, neppure una volta.
VPNikolaenko è l'unica persona normale lì, ma anche il suo lavoro era in dubbio. Mi ha messo una valvola sulla parte superiore dell'occhio, sul lato del naso, nonostante il fatto che l'installazione standard della valvola sia fatta sulla parte superiore dell'occhio, sul lato della tempia. Nella parte superiore dell'occhio, dal lato del naso (scientificamente, nel quadrante interno superiore) ci sono i muscoli oculomotori, la valvola installata lì - un dispositivo piuttosto grande (10 * 20 mm), impediva ai muscoli oculomotori di funzionare correttamente e avevo una visione doppia. Allo stesso tempo, come gli ultrasuoni mostravano più tardi, la valvola riposava con la sua parte superiore nell'orbita (nel cranio) e quindi premeva sull'occhio come se dall'esterno dall'alto, a causa di ciò, la pressione negli occhi era alta.
A causa della doppia visione e dell'aumento della pressione oculare, ho rimosso la valvola dopo tre mesi, la visione doppia negli occhi si è immediatamente interrotta, ma il glaucoma è tornato. Penso che se la valvola fosse nel posto giusto, sarebbe la soluzione perfetta al problema del glaucoma. Pertanto, ti consiglio di installare la valvola, l'unica cosa che dovresti discutere con il tuo medico in anticipo è dove ti consegnerà.

La valvola di Ahmed per il glaucoma: l'efficacia dell'operazione

Durante il glaucoma, c'è un aumento della pressione all'interno degli occhi, che porta a mal di testa e disagio. Questa malattia provoca una forte diminuzione della vista, se non trattata può portare alla cecità. Sfortunatamente, dopo il glaucoma sarà impossibile recuperare la vista.

Per il corretto controllo della pressione intraoculare, viene utilizzato il dispositivo valvolare di Ahmed, che viene somministrato attraverso la chirurgia. Ci sono molte indicazioni per la chirurgia, quindi è necessario sottoporsi ad un esame oftalmologico completo.

In questo articolo parleremo del trattamento del glaucoma, considereremo le indicazioni, le complicazioni e i risultati positivi dopo l'intervento con l'aiuto della valvola di Ahmed.

glaucoma

Il glaucoma è una combinazione di disturbi causati da deflusso ostruito di fluido dalla camera anteriore dell'occhio. Nel tempo, l'aumento della pressione intraoculare porta a cambiamenti organici nei tessuti del nervo ottico, causando la sua atrofia.

In assenza di trattamento o di inefficacia, il glaucoma porta alla totale cecità, perché i tessuti sensibili muoiono senza possibilità di recupero a causa di una violazione permanente del trofismo.

Il glaucoma è una malattia progressiva che porta alla cecità irreversibile. A causa dell'aumentata pressione intraoculare, il glaucoma causa la distruzione delle cellule retiniche, le atrofie del nervo ottico ottico e i segnali visivi non fluiscono più nel cervello.

Oggigiorno, il glaucoma è inteso come un gruppo piuttosto ampio di malattie, spesso di origine diversa e con un corso diverso. Fino ad ora, non c'è consenso su ciò che sta causando lo sviluppo di questi disturbi, tuttavia, se non trattata, il loro esito è lo stesso: atrofia del nervo ottico e cecità.

Valvola di Ahmed - impianto nel glaucoma

La chirurgia del drenaggio è un'area separata di chirurgia oftalmica generale, le cui operazioni mirano a migliorare i risultati degli interventi chirurgici tradizionali attraverso l'impianto di alcuni scarichi. Tali drenaggi prevengono eccessive cicatrici e impediscono il blocco dei percorsi di deflusso formati.

Gli impianti di drenaggio sono dispositivi di plastica che supportano la connessione tra la camera anteriore dell'occhio e il suo spazio sub-tone. Alcuni tipi di drenaggio moderno sono fatti come un tubo, che serve per il deflusso del liquido intraoculare.

Altri non hanno un'apertura interna e il fluido intraoculare scorre lungo la loro superficie. Ci sono anche quelli la cui costruzione è piuttosto complicata, si tratta di fognature con valvola (Ahmed, Krupin) e senza valvola (Molteno, Baerveldt).

Tali scarichi sono sensibili alle variazioni di pressione e reagiscono alla regolazione della filtrazione. Eppure, indipendentemente dal tipo di drenaggio, tutti i dispositivi sono progettati per risolvere un problema - per ridurre la pressione intraoculare migliorando il deflusso.

Nel 1907, Rollet fece un tentativo dimensionale di ridurre la IOP con l'aiuto di deviare l'umore acqueo e lo spazio subcongiuntivale attraverso il limbus impiantando il crine di cavallo.

L'efficienza delle operazioni aumentò nel 1973, quando Molteno cominciò a deviare l'umore acqueo in un'area di 8-10 mm dal limbus. Ad oggi, tutto il drenaggio antiglauco si basa sul concetto di Molteno.

Nei primi drenaggi anti-glaucomatosi, nessuna resistenza al deflusso dell'umore acqueo dalla camera anteriore non è stata presa in considerazione. Tra gli scarichi di questo tipo, i più frequentemente utilizzati sono: il drenaggio Molteno, proposto da Anthony Molteno nel 1969, e il drenaggio Baerveldt, proposto da George Baerveldt nel 1992.

La valvola Ahmed contiene tubi con membrane in silicone che si aprono ad una pressione di 10-12 mm Hg. Art. Dimostrato l'alta efficienza di impianto di tale dispositivo in glaucoma complicato e refrattario. Questo sistema di drenaggio riduce la necessità di un uso costante di farmaci in caso di:

  1. afachia e glaucoma simultanei;
  2. artifakia (lente artificiale);
  3. glaucoma uveale;
  4. aumento della PIO dopo chirurgia vitreo-retinica;
  5. con glaucoma neovascolare;
  6. dopo aver penetrato la cheratoplastica.

La valvola impiantabile collega la camera anteriore allo spazio subtenonico attraverso i tubi e garantisce la rimozione del fluido in eccesso solo a un certo livello di IOP. Non appena la pressione scende alla normalità, la membrana della valvola chiude il canale e arresta il deflusso.

Questa valvola per mezzo di tubuli sulla superficie posteriore fornisce la connessione della camera anteriore con lo spazio subtennone. Le valvole situate all'interno sono sensibili alla pressione e regolano il flusso. L'operazione deve essere eseguita solo da specialisti esperti, poiché è possibile lo sviluppo di complicazioni.

L'elemento principale della valvola, o meglio, di questo sistema di drenaggio, è una membrana unica che fa aprire la valvola quando la pressione intraoculare nella camera anteriore dell'occhio supera la norma.

I tubuli sulla sua superficie posteriore forniscono la comunicazione tra la camera anteriore e lo spazio del subtennone, rendendo possibile il deflusso del fluido. Le valvole posizionate all'interno del sistema sono particolarmente sensibili alla pressione, che regola il flusso.

  • Trattamento chirurgico inefficace del glaucoma secondario dopo trabeculectomia con o senza antimetaboliti (aniridia, glaucoma traumatico e neovascolare).
  • Glaucoma scompensato dopo trabeculectomia con l'uso di antimetaboliti.
  • Cambiamenti cicatriziali significativi nella congiuntiva dopo l'escissione.
  • Operazioni inefficaci (trabeculectomia, trabeculotomia, goniotomia) del glaucoma congenito.

La valvola di Ahmed ha un'esplosione sclerale nella sua composizione, che forma un cuscinetto di filtrazione. L'estremità distale dello shunt è localizzata nella camera anteriore dell'occhio, attraverso la quale il fluido scorre nell'area attorno all'espianto (10-12 mm dal limbus).

Un aumento di pressione porta all'uscita passiva dei contenuti liquidi e alla normalizzazione degli indicatori, che dipendono dallo spessore della parete capsulare e dall'area dell'incapsulamento.

Tipi e tipi di drenaggio

Gli impianti utilizzati sono Molteno, Baerveldt, Krupin e Ahmed (valvola Ahmed). Quest'ultimo è il più usato e popolare. Tutti gli impianti sono basati sulla soluzione originale di drenaggio Molteno.

L'impianto ha un espianto sclerale, il cui compito è quello di creare un cuscino filtrante funzionante. L'estremità libera del tubo cavo, uno shunt per il deflusso del fluido intraoculare, è posta nella camera anteriore dell'occhio. Il deflusso viene effettuato nell'area incapsulata attorno all'espianto, che rimane 10-12 mm posteriormente al limbus.

La pressione intraoculare viene ridotta passivamente, in base al livello di IOP, dal deflusso del fluido intraoculare attraverso la parete della capsula di drenaggio. La dinamica della riduzione della pressione è direttamente correlata alla resistenza al deflusso, nonché alla superficie totale di incapsulamento.

Attualmente, gli impianti tubolari sono divisi in due tipi:

  1. senza valenza (ad esempio Molteno, Baerveldt, Schocket)
  2. valvola (ad esempio, Krupin, Ahmed).

Requisiti di base per il drenaggio anti-glaucomatoso

  • possibilità di rimuovere l'umore acqueo dalla camera anteriore senza sviluppare ipotensione
  • la durata dell'effetto ipotensivo con effetti collaterali minimi sul tessuto circostante

In impianti senza valvole, ad esempio, i sistemi di drenaggio Molteno e Baerveldt, la resistenza al deflusso non viene presa in considerazione, il che può portare a ipotensione, alla formazione di una camera anteriore poco profonda e al distacco ciliocoroidale.

Per evitare queste complicazioni, sono state proposte diverse modifiche agli scarichi:

  1. l'imposizione della legatura occlusiva sul tubo per un certo tempo;
  2. tappare il tubo con un materiale che assorbe lentamente il fluido intraoculare;
  3. introduzione al tubo del filo, che può essere successivamente rimosso.

La valvola di drenaggio Krupin è costituita da una valvola siliconica a fessura fissata a un plateau di silicio. All'aumentare della IOP, la valvola si apre, consentendo all'umidità acquosa di filtrare.

Il modello S2, la valvola prototipo Ahmed, è una membrana in silicone, piegata e allungata nella parte superiore. Le membrane sono basate su piani in polipropilene con sporgenze e scanalature aggiuntive che estendono le membrane.

Poiché la valvola inizia a funzionare solo a una pressione superiore a 8-10 mm Hg. Art., Impedisce lo sviluppo di ipotensione.
A differenza dei dispositivi senza valvole, la valvola di Ahmed viene impiantata in uno stadio e immediatamente dopo che l'operazione di IOP viene ridotta.

Tra tutti gli impianti tubolari, la valvola di Ahmed ha il più basso livello postoperatorio di ipotensione e un piccolo numero di complicanze. La resistenza interna nel sistema di valvole è fornita dal meccanismo Venturi. L'area di ingresso della valvola è più grande dell'area di uscita.

La valvola Ahmed è un dispositivo di tipo non ostruttivo. Poiché la dimensione laterale delle valvole è maggiore della circonferenza del tubo stretto, ogni particella che passa attraverso questo tubo passa anche attraverso il meccanismo della valvola.

  • Prototipo di valvola Ahmed: modello S2

La prima valvola di Ahmed era il modello S2. Il dispositivo è costituito da un piano in polipropilene sul quale è fissato un meccanismo a valvola con un'area di 184 mm2. Dopo la formazione di un tampone filtrante sopra il dispositivo, il drenaggio del fluido avviene principalmente attraverso il tessuto vascolarizzato della capsula.

Lunghezza del tubo di silicone - 25 mm, diametro interno - 0,635 mm; larghezza del dispositivo -13 mm, lunghezza - 16 mm, spessore - 1,9 mm. Le membrane di silicone sottili sono lunghe 8 mm e 7 mm di larghezza.

  • Vari biomateriali e formazione di tessuto cicatriziale: modello FP7

La valvola antiglauco modello S2 originale utilizza un plateau in polipropilene. Ayyala et al. trovato che il polipropilene ha una biocompatibilità inferiore rispetto al silicone.

L'uso del silicone può ridurre il grado di infiammazione e cicatrizzazione durante il processo di incapsulamento del dispositivo e la gravità dell'incapsulamento influenza la durata e l'estensione della fase di ipertensione.

Il profilo di impianto sottile evita anche la necessità di tagli lassativi posteriori o l'uso di autoinnesto congiuntivale.

  • Drenaggi: modelli B1 e B4, FX1 e FX4

I risultati a lungo termine degli studi hanno mostrato una diretta dipendenza della diminuzione della IOP sulla dimensione dell'impianto, ma solo se la sua area è sufficiente. Gli impianti di Baerveldt con un'area di 250, 350 e 500 mm2 si trovano in parte sotto i muscoli del retto, solo leggermente sporgenti e fungono da serbatoio di distribuzione dell'umidità.

Britt in uno studio prospettico, confrontando gli impianti Baerveldt 350 mm2 e 500 mm2, non ha trovato una differenza statisticamente significativa nella diminuzione della IOP per 18 mesi. osservazioni dopo la loro applicazione.

Risultati simili sono stati ottenuti da Ayyala et al. quando si confronta Drenaggio a doppio drenaggio Molteno con valvola a camera singola Ahmed. Questi dati confermano che un aumento dell'area superficiale dell'impianto aumenta l'efficacia ipotensiva solo di una certa dimensione.

Il secondo plateau può essere cucito in un quadrante vicino alla base della valvola, dopo di che la parete dell'ammortizzatore di filtrazione viene perforata con un tubo che non ha una valvola e il plateau è fissato.

Pertanto, il cuscino di filtrazione è collegato tramite un tubo al secondo plateau senza valvolame. Recentemente, questi dispositivi sono stati realizzati in silicone (modello FX1 e FX4).

Indicazioni cliniche e controindicazioni

Fino a poco tempo fa, le valvole di Ahmed erano ampiamente utilizzate per il glaucoma refrattario, quando la trabeculectomia eseguita in precedenza non ha avuto successo o quando la probabilità della sua efficacia con o senza agenti antimetabolici è bassa.

Le valvole di Ahmed possono essere utilizzate con glaucoma ad angolo aperto congenito, afachico o artifacciale, con glaucoma ad angolo chiuso, glaucoma cheratoprotetico indotto, cheratoplastica penetrante, trauma, aniridia, sindrome di Sturge-Weber e altri tipi di glaucoma secondario.

Molti chirurghi utilizzano le valvole di Ahmed come intervento primario nei casi di glaucoma neovascolare, congenito, uveale o ad angolo aperto, con cicatrici perilesali o sinechie anteriori.

I dispositivi valvolari vengono spesso usati come ultima opzione di trattamento dopo trabeculectomia senza successo, ma questo punto di vista sta cambiando. Se confrontati con la trabeculectomia, gli impianti valvolari producono meno complicazioni tardive associate a tamponi filtranti (ad esempio, filtrazione esterna, flebite e endoftalmite).

Una minore incidenza di endoftalmite può essere associata a una base valvolare localizzata più lontano dal limbo (8-10 mm), dove il tessuto sottocongiuntivale è più spesso e più pronunciato rispetto alla reazione fibroblastica.

Questi tessuti sono diversi dai cuscini di filtrazione per trabeculectomia, che spesso causano la flebite e l'endoftalmite, specialmente nei casi di uso di mitomicina C e 5-fluorouracile.

Il glaucoma infantile è un gruppo di malattie che potenzialmente portano alla cecità e spesso resistenti alla terapia farmacologica, pertanto in tali situazioni l'impianto della valvola di Ahmed è spesso indicato.

I vantaggi della valvola siliconica FP7 di Ahmed sono l'impianto a un passo, l'intervento in un solo quadrante e il monitoraggio IOP istantaneo. Ciò è particolarmente importante nei casi in cui è necessario un intervento combinato urgente per la malattia della cornea nel glaucoma congenito grave.

Indicazioni per l'impianto

La valvola Ahmed S2 può essere utilizzata sia nei bambini che negli adolescenti. Viene utilizzato in assenza di compensazione IOP, nonostante la massima terapia farmacologica e l'intervento laser. Questa valvola può essere utilizzata come intervento primario nei casi di glaucoma secondario neovascolare e post-venoso.

Il secondo modello di valvola (modello B1), se necessario, può essere impiantato successivamente per migliorare il drenaggio del fluido attraverso il tampone di filtrazione primario.

L'estensione del tubo (modello TE) viene utilizzata nelle seguenti situazioni:

  1. con un tubo spinto o esposto;
  2. quando il chirurgo vuole spostare la valvola dalla parte piatta del corpo ciliare, inserendo il tubo nella camera anteriore;
  3. quando il tubo viene tagliato troppo corto durante l'impianto;
  4. in tutti i casi in cui il tubo viene tagliato per errore.

Il fissaggio nell'area di pars plana (modello PC) con l'introduzione attraverso il tubo è consigliabile in pazienti sottoposti a cheratoplastica o cornea modificata. Il drenaggio è anche usato in pazienti con una camera anteriore molto superficiale, o se è impossibile inserire un tubo in esso a causa delle sinechie anteriori.

L'impianto della valvola nell'area del pars plana viene spesso eseguito con glaucoma secondario avanzato con un livello di IOP non compensato.

Tecnica di operazione usando la valvola di Ahmed

È necessario ottenere il consenso informato del paziente per la chirurgia con l'impianto della valvola di Ahmed e il rinforzo della sclera utilizzando pericardio pre-preparato (Tutoplast), sclera del donatore, ecc.

Se è prevista l'introduzione del tubo attraverso il pars plana, è necessario un esame della retina. Per indicazioni, l'impianto della valvola di Ahmed può essere combinato con una vitreotomia tramite pars plana.

Corso di operazione

Oltre all'anestesia retro o peribulbar, la tetracaina può essere utilizzata localmente. Dopo l'applicazione della sutura della briglia (poligloina 6/0), sulla cornea viene posizionato uno speciale scudo per proteggerlo dalla luce brillante del microscopio.

La valvola di Ahmed deve essere lavata con una soluzione salina bilanciata per garantire che l'aria sia completamente rimossa e che la valvola funzioni.

Per fare questo, una siringa con un ago 26G o una cannula 27G viene inserita nel tubo e premere bruscamente sul pistone della siringa con una soluzione salina bilanciata fino a quando la soluzione è visibile dietro la valvola o sulla parte superiore della sua base.

La base del lembo congiuntivale alla forma dell'arco tra i due muscoli diritti adiacenti. Con questo scopo, conveniente usare le forbici Stevens.

La valvola Ahmed non dovrebbe essere presa con un paio di pinzette per il suo corpo, da allora il suo danno promuoverà la crescita del tessuto fibrovascolare. Il dispositivo dovrebbe essere preso come base accanto a un piccolo foro, inserito nello spazio sottocongiuntivale formato e orlato con fili non assorbibili alla sclera.

Quando si collega il plateau alla sclera, è necessario assicurarsi che la valvola sia posizionata tra i muscoli retti e il tubo sia diretto radialmente rispetto al limbus. Il bordo anteriore della valvola deve essere a 8-10 mm dal limbus.

Il tubo di collegamento si trova sopra il muscolo dritto superiore o sotto di esso, ma sotto il tubo di collegamento non dovrebbe esserci tessuto di capsula di tenone. Il secondo plateau, anch'esso posizionato a 8-10 mm dal limbus, deve essere fissato alla sclera con filo di nylon 9/0.

La lunghezza del tubo di drenaggio è calcolata dalla sua posizione al di fuori della cornea, tenendo conto che la lunghezza era sufficiente per l'inserimento nella camera anteriore. Quindi il tubo di drenaggio viene tagliato obliquamente in modo che l'estremità smussata sia diretta verso l'endotelio corneale.

Quindi eseguire la paracentesi al di fuori dell'area chirurgica. Se necessario, il viscoelastico viene introdotto nella camera anteriore. Usando un ago 23G, entrano nella camera anteriore nella regione corneosclerale parallela al piano dell'iride. Un tubo speciale per pinze viene condotto nella camera anteriore attraverso una puntura fatta da un ago.

La congiuntiva viene suturata con suture assorbibili (ad esempio, filo poliglattina 8/0). Nel 180 °, antibiotici e corticosteroidi vengono somministrati in modo subcongiuntivo dal sito di intervento.

In alcuni paesi in cui il tessuto donatore non è disponibile, vengono utilizzati metodi alternativi di chiusura del tubo esposto. Uno di questi è la formazione di un lembo sclerale dalla base all'arto su una parte dello spessore della sclera.

Quindi un ago 23G forma un foro per l'inserimento del tubo sotto l'aletta. Il tubo è coperto con un lembo, che viene poi suturato con una filettatura di nylon 9/0. Dopo la chiusura congiuntivale, antibiotici e corticosteroidi vengono somministrati sottocongiuntivali.

Impianto nella parte piatta del corpo ciliare

Dopo la formazione del lembo congiuntivale con la base verso l'arco, la valvola di Ahmed con fissazione alla parte piatta del corpo ciliare (inseguimento plana) viene lavata attraverso la cannula di irrigazione del PS. La valvola è posta a 6-8 mm dal limbus e fissata alla sclera con una filettatura di nylon 9/0. È meglio e più facile fissare il plateau della valvola alla sclera, mentre l'occhio è ancora stretto.

Se necessario, è possibile eseguire una vitrectomia attraverso il pars plana, che aumenterà l'effetto ipotensivo della chirurgia di drenaggio, se la parte principale del corpo vitreo viene anche rimossa dall'area di impianto del dispositivo di drenaggio. Dopo aver eseguito una vitrectomia, è possibile ripristinare il normale turgore oculare con l'infusione di una soluzione.

Quindi il drenaggio della valvola viene inserito attraverso una puntura fatta da un ago 23G a circa 3,5 mm dal limbus. Il tubo può essere tagliato in modo che la sua estremità raggiunga il bordo della pupilla, che ti permetterà di vederlo più tardi per una lampada a fessura.

La flessione del tubo viene eliminata a causa del suo passaggio attraverso il plateau con il fissaggio nella parte piatta del corpo ciliare. Se il plateau con attacco per il collegamento con altri scarichi è incluso separatamente nel kit (modello PC), il chirurgo deve tirare un tubo attraverso di esso con una pinzetta sottile.

A differenza di altri drenaggi, il vantaggio del plateau con il fissaggio nella zona della parte piatta del corpo ciliare è la mobilità del plateau, che consente di posizionarlo a qualsiasi distanza dal plateau della valvola. Dopo aver rinforzato la sclera con il materiale donatore (sclera o pericardio), la porta e la congiuntiva vengono suturate.

complicazioni

Le complicazioni durante l'impostazione della valvola Ahmed includono:

  • Aumento del drenaggio, che riduce le dimensioni della camera anteriore. La correzione di questo può essere effettuata nel primo periodo postoperatorio, imponendo cuciture regolabili che ridurranno la clearance dello shunt.
  • Se lo shunt è mal fissato, la distrofia corneale può svilupparsi a seguito del contatto con l'impianto.
  • Con il contatto diretto dello shunt con l'obiettivo, la cataratta progredirà.
  • Dislocazione dello shunt dalla parte anteriore della fotocamera.
  • La formazione di cambiamenti trofici (piaghe da decubito) nell'area dello shunt. Per ridurre il rischio di questa complicazione, la superficie del tubo è coperta da uno sciatore di donatore.
  • Occlusione dello shunt con un corpo estraneo, coaguli di sangue, iride o tessuto vitreo.
  • La visione doppia si verifica in violazione del funzionamento amichevole dei muscoli oculari. Ciò accade spesso quando il corpo della valvola viene posizionato nell'area del muscolo retto o con una grande area superficiale dell'impianto.
  • La formazione di una capsula densa attorno al pad di filtrazione, che si sviluppa nel tempo nel 10% dei pazienti.
  • Endoftalmite tardiva.

L'iperfiltrazione dell'umore acqueo è una delle complicazioni postoperatorie precoci, che porta a una camera anteriore poco profonda, a ipotensione ea distacco ciliocoroidale.

Di norma, il periodo di aumento transitorio della PIO si osserva entro un mese dall'intervento. Questo periodo è chiamato fase dell'ipertensione oftalmica. Tuttavia, questo non richiede un intervento aggiuntivo obbligatorio. Huang et al. considerare che l'aumento di IOP è possibile non prima di 4 settimane dopo l'operazione.

Nei bambini, il deflusso del tubo si verifica più frequentemente. Ciò può essere dovuto al fatto che i bambini piccoli spesso si sfregano gli occhi. Poiché l'esposizione del tubo è associata ad un aumentato rischio di endoftalmite, è spesso necessario avere una procedura chirurgica per costruire il tubo, spostare il plateau della valvola o sostituire l'impianto.

risultati

I risultati del trattamento sono direttamente correlati al tipo di glaucoma e al grado di IOP aumentato. Se quest'ultimo è inferiore a 21 mmHg. Art., L'efficacia di assumere farmaci locali raggiunge il 50-70%. Se non si utilizza una terapia farmacologica aggiuntiva, la valvola è efficace solo in un terzo dei casi.

Nel glaucoma neovascolare, l'efficienza è piuttosto bassa a causa della progressiva distruzione della retina e dell'atrofia del bulbo oculare con alterata funzione visiva. Al fine di aumentare l'efficienza dell'uso della valvola Ahmed durante l'operazione, viene utilizzata anche la mitomicina.

L'installazione della valvola Ahmed è eseguita chirurgicamente. Come per qualsiasi intervento chirurgico, l'impianto del sistema di drenaggio comporta alcuni rischi. In questo caso, le seguenti complicazioni sono più probabili:

  1. Riduzione delle dimensioni della camera anteriore a causa di un aumento del drenaggio (eliminato mediante sutura e regolazione del lume di shunt).
  2. Distrofia cornea con debole fissazione dello shunt e suo costante contatto con l'impianto.
  3. Modifica della posizione dello shunt (caduta dalla camera anteriore).
  4. Distrofia fino alle piaghe da decubito in punti di contatto con lo shunt (coprendo lo shunt con una sclera di donatore riduce la probabilità di contatto con il tessuto con il materiale artificiale e contribuisce alla conservazione del trofismo normale).
  5. Shunt di occlusione Il lume dei tubi di drenaggio può essere bloccato da un coagulo di sangue, corpo estraneo, tessuto del corpo vitreo o iride.
  6. Il disturbo del funzionamento amichevole dei muscoli oculari, espresso dal raddoppio negli occhi e da altre distorsioni visive.
  7. Nel 10% dei casi, dopo l'installazione della valvola, nel tempo si forma una capsula densa di tessuto connettivo sul cuscino del filtro.
  8. Endoftalmite tardo postoperatorio.

Le valvole di Ahmed sono utilizzate in tutti i tipi di glaucoma. Hanno mostrato un chiaro vantaggio rispetto ad altri dispositivi senza valvole. Il meccanismo della valvola con il sistema Venturi consente di ridurre rapidamente la IOP ed evitare l'iperfiltrazione nel periodo postoperatorio.

Negli studi in vitro sono stati testati il ​​funzionamento del meccanismo della valvola e la sua capacità di controllare la pressione confrontando il funzionamento delle valvole Krupin e Ahmed. Gli studi hanno dimostrato che la valvola Krupin esercita la stessa resistenza al deflusso dell'umidità e controlla anche la pressione, come una cannula.

L'efficacia della chirurgia per il glaucoma

È possibile parlare dell'assoluta efficacia della valvola di Ahmed, che non prevede un ulteriore supporto terapeutico con farmaci, nel 30% dei casi.

L'efficacia dell'impianto dipende in gran parte dalla linea di base, dal tipo e dallo stadio del glaucoma, che è stato trattato. Se il livello di IOP non supera 21 mm Hg. Art., Quindi nel 50-70% dei pazienti dopo l'intervento, c'è un costante miglioramento.

La pressione intraoculare è mantenuta a un livello sicuro, il glaucoma non progredisce. La quantità richiesta di farmaci antiglaucoma locali è significativamente inferiore.

Nel caso del glaucoma neovascolare, l'operazione è meno efficace a causa della continua atrofia del bulbo oculare e della progressiva distruzione della retina che si verifica con funzionalità visiva compromessa. L'antimetabolita Mitomicina C, che viene utilizzata ulteriormente durante l'operazione, aumenta l'efficienza della valvola di Ahmed.

Il glaucoma è una pericolosa malattia dell'occhio cronica caratterizzata da un aumento costante o periodico della pressione intraoculare (IOP). Se non trattato, il glaucoma causa un declino irreversibile della funzione visiva fino al completamento della cecità. La visione persa a causa del glaucoma non viene ripristinata.

In caso di glaucoma, la circolazione del fluido intraoculare è disturbata, si verifica uno squilibrio tra il suo afflusso e il deflusso, con conseguente aumento della IOP. L'aumento della IOP "comprime" il nervo ottico e si verifica una graduale morte delle sue fibre nervose (atrofia ottica).

Ciò porta inevitabilmente a un restringimento dei campi visivi: sia centrale che periferico (laterale). Il compito di qualsiasi metodo di trattamento del glaucoma è la normalizzazione della IOP. Ad oggi, ci sono tre aree di trattamento di questa malattia: farmaco, laser e chirurgia.

Altri trattamenti

Dopo un accurato esame diagnostico e il rilevamento del glaucoma per ciascun paziente, viene compilato un regime terapeutico individuale, che dipende dalla forma, dallo stadio della malattia e dalle comorbidità.

Nel glaucoma precoce, può essere utilizzato un trattamento conservativo del glaucoma (colliri), ma non è sempre efficace. Con l'ulteriore sviluppo della malattia può richiedere il trattamento laser o chirurgico del glaucoma. Tutte le tecniche sono eseguite su base ambulatoriale e non richiedono una degenza ospedaliera.

Questa è una tecnica laser finalizzata al trattamento del glaucoma. Quando l'iridectomia trascorre un piccolo foro laser nell'iride per creare ulteriore deflusso di liquido intraoculare.

Nonostante la diversità dei metodi proposti di trattamento laser del glaucoma, il "gold standard" è la trabeculoplastica laser. Il raggio laser, che agisce sulla zona di drenaggio dell'occhio (zona di deflusso del fluido intraoculare), espande alcuni dei suoi segmenti.

Di conseguenza, il deflusso del liquido intraoculare migliora, la pressione oculare è normalizzata e stabilizzata. L'operazione viene eseguita in anestesia locale (a goccia), non richiede la preparazione preoperatoria.

Il vantaggio degli interventi laser:

  1. bassa invasività della procedura;
  2. l'assenza di gravi complicanze postoperatorie;
  3. possibilità di trattamento in ambiente ambulatoriale.
  • Sclerectomia profonda non penetrante (NEGS)

Questa è un'operazione chirurgica non invasiva, senza aprire il bulbo oculare. Durante questa procedura, non usano un foro passante, ma creano una valvola speciale nella membrana esterna dell'occhio, la sclera, attraverso la quale è possibile il deflusso non ostruito del fluido intraoculare.

Ciò consente di ripristinare l'equilibrio del fluido nell'occhio e normalizzare la pressione. Il termine di riabilitazione di pazienti dopo NSEG è di parecchi giorni.

La sua principale differenza dal NSE è che per ripristinare il deflusso del fluido, una sostanza viscosa speciale, Gealon (Artivisk), viene introdotta nei canalicoli di drenaggio. Espandendo il lume dei tubuli di drenaggio, Gealon ripristina la permeabilità all'umidità e consente di ripristinare l'equilibrio dei liquidi senza aprire il bulbo oculare.

  • Impianto EX-PRESS

Questa è la tecnica chirurgica del glaucoma moderna e più popolare in Europa e negli Stati Uniti. Il suo obiettivo è ripristinare i percorsi fisiologici di deflusso dei fluidi impiantando uno speciale dispositivo EX-PRESS dall'azienda americana Alcon.

Grazie a questa tecnica, è diventato disponibile un trattamento rapido ed efficace per una malattia oculare pericolosa, indipendentemente dalla gravità e dalla negligenza. Inoltre, l'uso del dispositivo EX-PRESS è il modo più sicuro per ridurre la pressione intraoculare.

Il dispositivo è realizzato in acciaio legato ad alta tecnologia e si trova all'interno dell'occhio con un alto grado di fissazione.

In tutto il mondo, la procedura per l'impianto di un dispositivo EX-PRESS è risultata meno traumatica e più efficace di altre tecniche chirurgiche per il trattamento del glaucoma. Il dispositivo EX-PRESS è approvato dalla FDA (equivalente americano di MOZU).

Altri Articoli Su Infiammazione Dell'Occhio